QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 12°16° 
Domani 14°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
lunedì 24 aprile 2017

Attualità lunedì 17 aprile 2017 ore 11:30

C​onclusi i lavori della ricostruzione della frana

Un'opera da 450 mila euro, l'Assessore Gabrielli: "Rispettati i tempi. Con questo intervento terminano i disagi per gli abitanti del versante"

MONTIGNOSO — All’inaugurazione della riapertura della strada venerdì mattina, insieme al Sindaco di Montignoso Gianni Lorenzetti c’era anche il Sindaco di Pietrasanta Massimo Mallegni.

“Abbiamo rispettato pienamente i tempi che ci eravamo prefissati – spiega soddisfatto l'Assessore Pietro Andrea Gabrielli – questo dimostra che l'amministrazione va avanti con i fatti e lascia le chiacchere a chi le vuol fare. Con questo intervento possiamo dire che terminano i disagi per la popolazione e per gli abitanti del versante, ma non solo, accanto al ripristino della viabilità abbiamo realizzato lavori di messa in sicurezza attraverso una serie di interventi di ripulitura e ingegneria naturalistica”.

Un'opera importante che ammonta a 450 mila euro complessivi, per un versante fortemente colpito dall'evento di pioggia eccezionale verificatosi nel 2014, approvata e cofinanziata dalla Regione Toscana per 405mila euro (i restanti 45mila euro a carico del Comune di Montignoso) e inserita all'interno del Documento operativo difesa suolo.

”È sicuramente un risultato importante – continua Gabrielli – concluso grazie all'impegno e al lavoro costante degli uffici e della giunta”. Nel dettaglio l'intervento ha permesso l'asportazione della vegetazione spontanea e il trasporto in discarica, la realizzazione di una palizzata sotto strada lunga di 40 metri e infissi per 16 metri, infine il ripristino della nuova sede stradale allargata rispetto all'attuale e il consolidamento del versante su cui scorrerà l'acqua piovana. La portata della pioggia secondo le analisi effettuate dai tecnici del Comune aveva infatti determinato una sorta di ruscellamento incontrollato delle acque, creando una forte azione di erosione e un "cedimento traslativo" del terreno, un movimento del piano verso valle, di circa due metri.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità