QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 19°20° 
Domani 19°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
domenica 22 settembre 2019

Attualità martedì 20 dicembre 2016 ore 09:43

E' il cesto natalizio il dono più desiderato

A dirlo è Coldiretti che, in vista della settimana decisiva verso il Natale, ha visto aumentare le vendite di prodotti enogastronomici



MASSA — Tanti gli appuntamenti, in provincia di Massa Carrara nei mercati di Campagna Amica, nelle fattorie e agriturismi dove si registra un vero e proprio boom di presenze da parte dei consumatori che possono scegliere e acquistare tutti i prodotti tipici del territorio dal vino all’olio, dalla pasta ai dolci, dal miele ai salumi passando per le torte fatte in casa, alla frutta per confezionare con un po’ di fantasia cesti per tutte le tasche o per allestire il super-cenone di Natale e Capodanno. 

Da alcune settimane è possibile trovare anche il pesce a miglio zero pescato nel Mar Tirreno. Le occasioni non mancano nella settimana che porta al Natale: a Massa in Largo Matteotti (mercoledì mattina), a Carrara nella piazzetta del Duomo (mercoledì), Avenza in Piazza Finelli (venerdì) e in Lunigiana ad Aulla in Piazza Roma (mercoledì), in via Cerri in località Filanda (giovedì), in Piazza della Vittoria nel contesto del mercato comunale (sabato) e a Fivizzano in Piazza del Teatro (martedì).

Per gli acquisti in fattoria c’è anche il sito www.campagnamica.it.

 “Un apuano su cinque – spiega Vincenzo Tongiani, presidente Coldiretti Massa Carrara – farà la spesa di Natale ai nostri mercatini o direttamente nelle aziende agricole. La tendenza è stata fin qui molto positiva. I consumatori vogliono ritrovare il contatto con il produttore agricolo che può offrire informazioni dirette sul luogo di produzione e sui metodi utilizzati insieme alla garanzia di genuinità, convenienza, trasparenza e sostenibilità. Sono settantina i prodotti tipici ottenuti secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni che contribuiscono al primato agroalimentare della Regione Toscana. Ne fanno parte i più conosciuti come l’amaro di Clementi (China Clementi di Fivizzano), l’agnello di razza massese e quello di Zeri, il panigaccio e la spongata, la cipolla di Treschietto e il fagiolo di Bigliolo, le focaccette di Aulla e i testaroli, la torta Cybea e la trota iridea, il neccio, il pane di Po’ e Vinca, la patata di Regnana e le lasagne bastarde, il biroldo e la salsiccia di Montignoso, il capretto delle apuane e il filetto della Lunigiana e meno popolari, o addirittura in via di estinzione, come la barbina, un particolarissimo salume ricavato dalla parte muscolosa della gola del maiale prodotto a Colonnata, la mela muso di bue e la pera rusé coltivate nelle zone di Zeri, i peschi spontanei del Candia e la mela binotto dal sapore intenso che ricorda quello della rosa, la mela rotella, la cipolla di Bassone, rossa e piccola e il rapino di Bergiola Foscalino."

"Tutti prodotti che possono essere acquistati e ordinati nei nostri mercati oppure in una delle 53 fattorie, agriturismi e botteghe del territorio – spiega ancora Tongiani – che hanno aderito al progetto di Campagna Amica”.



Tag

Atreju, Conte accolto da Giorgia Meloni: «Tu pensavi che io non venissi?»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca