QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 19°26° 
Domani 16°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
mercoledì 28 settembre 2016

Attualità martedì 22 marzo 2016 ore 14:00

Massa, Lucca e Prato non decollano

L'accusa del Movimento Cinque Stelle arriva in Regione: tre ospedali nuovi su quattro non hanno elisuperfici abilitate per il servizio

MASSA — Il Movimento Cinque Stelle interroga l’assessore alla sanità Stefania Saccardi "Queste strutture sono costate 657 milioni, continueremo a pagare 2,4 miliardi in 19 anni, eppure i 4 nuovi ospedali costruiti in project financing sono pieni di falle: l'ultima, clamorosa, sull'elisoccorso. Come è possibile che su quattro nuove strutture identiche, tre non abbiamo l'elisuperficie abilitata per il servizio?".

Sembra infatti che a Massa, dopo la rimozione imposta dal Comune di un tetto di amianto, l’elicottero continui a non decollare e a non atterrare e il problema sembra di natura legale. Ma l’assessore regionale alla sanità rassicura i cittadini perché l’alternativa non manca: i campi sportivi illuminati di Fivizzano, Pontremoli e Licciana Nardi.

Pegaso non si alza neanche a Lucca, dove il problema è legato al rumore dell’elicottero per le case che si trovano a quaranta metri dall’ospedale. Ad aggravare la situazione lucchese la sentenza del Tar che nega l’uso della piazzola anche a causa del sollevamento delle tegole dei tetti, respingendo i ricorsi di Asl e della Sat spa, la società costruttrice dei 4 nuovi ospedali.

Problema di natura economica, invece, a Prato. L’ azienda sanitaria sostiene che si tratti di una precisa scelta, dato che l’attivazione per le 24 ore è molto onerosa, vista la scarsa attività e quindi è preferibile utilizzare il Cto di Firenze. In quanto ad alternative però se la giocano Massa e Lucca: Campi sportivi per la prima e spalti delle mura urbane per la seconda.

Insomma, secondo i pentastellati, la fantasia e gli sperperi non mancano, ma l’efficacia e il rispetto per gli ammalati sì.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità