QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 19°20° 
Domani 19°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
domenica 22 settembre 2019

Spettacoli lunedì 14 novembre 2016 ore 17:33

​Mondadori: un anno in città

Una grande scommessa si è trasformata in luogo di incontro per grandi e piccini, punto culturale e di grande visibilità per scrittori e artisti apuani



MASSA — Un anno fa, un piccolo gruppo di imprenditori, l’amministratrice Daniela Raggi, Luigi Ricci, Alessia Laura Mosti, Michele Scuto direttore del bookstore e Ilaria Mochi, ci ha creduto e scommesso. A Massa mancava un luogo familiare e accogliente per incontrarsi, fare cultura, dialogare, progettare o semplicemente scambiare due chiacchiere immersi nei libri e sorseggiando un buon caffè.


Per un gruppo determinato, pieno di energie e ricco di idee, quale occasione poteva essere più ghiotta di un Mondadori Store?

Mondadori Bookstore: ecco l'idea! Con un ampia superficie dislocata su due piani in centro città, un catalogo di oltre quattrocento editori con una vasta gamma di titoli, affiancati da cartoleria, giochi didattici, cd musicali, dvd, gadgets, uno spazio tutto dedicato ai bambini ed eventi organizzati durante tutto l’anno e un angolo caffetteria, cioccolateria thé room con prodotti selezionati.

Il Bookstore è diventato così un'attrazione anche per le zone limitrofe, grazie a grandi nomi che, ad iniziare dal giorno dell'inaugurazione, hanno fatto tappa nel nostro Store: gli youtuber Mat&Bise, i cantanti Umberto Tozzi, Irene Fornaciari e Francesco Gabbani, lo scrittore Romano Luperini, Antonio Dikele Distefano, il noto fumettista Angelo Stano e una miriade di autori locali.

Proprio questi ultimi sono la mission del bookstore apuano che ha fortemente voluto promuoverli e sostenerli con impegno quali anima stessa della cultura apuana.

Nella saletta del bar spazio anche per gli artisti locali che da mesi appendono le proprie opere in mostre permanenti della durata di un mese ciascuna.

Ma la storica e accogliente piazzetta Bertagnini è diventata soprattutto un punto di riferimento culturale per la città e una vetrina per gli amanti dell'arte in generale e delle lettura e della scrittura in particolare. Molti giovani hanno avuto in questo anno un grande spazio per farsi conoscere, confrontarsi e mettersi alla prova con opere e spettacoli teatrali portati all'attenzione del caloroso pubblico estivo nella piazzetta.

"La soddisfazione più grande - sottolinea il direttore, Michele Scuto - è quella di vedere tanti giovani animare lo store e partecipare alle iniziative come se la libreria appartenesse a loro e alla città tutta. Il risultato che sta andando oltre le nostre, pur rosee, aspettative e che ci sta ripagando del nostro costante impegno".



Tag

Atreju, Conte accolto da Giorgia Meloni: «Tu pensavi che io non venissi?»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca