QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 7° 
Domani 10°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
giovedì 14 dicembre 2017

Cultura domenica 19 novembre 2017 ore 12:01

Quei tesori nascosti nel cuore della Toscana

Carlo Pepi racconta la sua collezione d'arte

I soci di Italia Nostra delle sezioni di Pisa, Arcipelago Toscano, Lucca e Massa Montignoso hanno fatto visita al noto critico d'arte Carlo Pepi

CRESPINA LORENZANA — Un privilegio e un'onore, quello vissuto ieri dai soci toscani di Italia Nostra, che quasi in punta di piedi si sono lasciati accompagnare da Carlo Pepi all'interno di Villa dei Gioielli e Villa Montelisi, due scrigni di preziosi tesori adagiati sulle colline di Crespina.

Lui, raffinato critico d'arte noto soprattutto per aver screditato da subito l'attribuzione a Modigliani delle famose teste ripescate nei fossi di Livorno nel 1984, è anche un inguaribile collezionista. Nelle due ville Pepi custodisce qualcosa come 20mila opere fra dipinti, disegni e incisioni, con tele di Giovanni Fattori, Silvestro Lega e Amedeo Modigliani. 

Ai soci di Italia Nostra, delle sezioni di Pisa, Arcipelago Toscano, Lucca e Massa Montignoso, Pepi ha raccontato le sue collezioni, non lesinando curiosità e aneddoti. "Si è trattato di un evento speciale, se pure informale - hanno commentato coloro i quali hanno avuto il privilegio di partecipare alla visita - per la presenza di tanti soci arrivati da varie parti della Toscana per quella che si è rivelata anche un'occasione di conoscenza e dialogo". 

La visita di ieri è stata organizzata dalla professoressa Ewa Karwacka e dall'ingegner Gabriele Del Guerra. Le due ville che conservano le opere raccolte negli anni da Pepi sono visitabili da tutti, su prenotazione.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità