comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 17°19° 
Domani 18°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
giovedì 04 giugno 2020
corriere tv
3 giugno, le regole per spostarsi tra le Regioni

Attualità martedì 31 marzo 2020 ore 12:15

Il dramma Lunigiana, la paura dei sindaci

L'ospedale di Fivizzano

Una lettera dei primi cittadini al presidente della Regione Rossi: "L'epidemia di Covid sta cancellando una generazione"



MASSA CARRARA — I sindaci dei Comuni della Lunigiana hanno rivolto un appello alla Regione affinchè sostenga in misura diversa e maggiore questa parte del territorio, il più duramente colpito della Toscana dall'epidemia di coronavirus sia in termini di vittime (35 sulle 50 registrate in tutta la provincia di Massa Carrara) che di diffusione del contagio, con un'elevatissima incidenza di casi positivi rispetto al numero complessivo di abitanti.

La lettera scritta dai 14 sindaci dei Comuni della Lunigiana e indirizzata al presidente della Regione Rossi e all'assessore regionale alla salute Stefania Saccardi, è una richiesta di aiuto, sia per quanto riguarda i dispositivi sanitari che per le residenze sanitarie assistite.

Questa la lettera aperta dei sindaci della Lunigiana

"Carissimi,
la gravita della situazione ci impone di chiederVi, come è avvenuto altrove, di visitare i Comuni che ci onoriamo di amministrare per comprendere, nel rispetto delle misure di sicurezza, l'esperienza che i territori si trovano a vivere.
Le perdite non si contano più, intere generazioni stanno venendo a mancare, allineando i dati Covid-19 a quelli di Lombardia e Veneto:
- la casistica dei postivi al Coronavirus in Lunigiana risponde alla proporzione 1/300, la più alta della Toscana;
- il dato relativo ai Comuni più colpiti, come Mulazzo, alla proporzione 1/84, la più alta della Toscana,
- in Comuni dall'età media alta, dove sono allocate numerose strutture sanitarie per anziani, il Covid-19 si sta trasformando in una bomba sociale per cui è necessario un protocollo speciale per la prevenzione e la gestione delle strutture.
E' evidente quindi come la Lunigiana debba essere trattata e gestita in maniera specifica, per adottare tutte le misure necessarie al contenimento del contagio.
E' altrettanto evidente che, proprio per questo motivo, in relazione all'Ordinanza n. 18 del 25 Marzo 2020, debba essere considerata la possibilità di concedere anche ai Medici di medicina generale, ai Pronto Soccorso e al Servizio di emergenza urgenza 118 la necessaria dotazione di mascherine e di eseguire, sul relativo personale, i tamponi:
- i dispositivi di protezione massimi devono quindi essere disponibili non solo nei reparti di rianimazione come riaffermato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel Suo discorso alla Nazione;
- le disposizione del'ISS dovrebbero essere rivalutate alla luce della diffusione del contagio;
- le Unità speciali per la continuità assistenziale, che stanno per essere avviate, hanno di fronte a loro un compito proibitivo per le condizioni attuali della Lunigiana, dove sono presenti pazienti positivi in dimissione dagli Ospedali e pazienti positivi domiciliari;
- la soluzione migliore per gestire tutti questi casi potrebbe essere la domiciliazione sanitaria con controlli programmati e supervisione da parte dei medici coadiuvati dalle unità speciali;
- i Medici di medicina generale devono essere considerati fondamentali e strategici per il contenimento del Covid-19;
- i tamponi devono essere necessariamente eseguiti su tutto il personale sanitario;
- le dotazioni di pulsossimetri devono essere consegnate ai pazienti sintomatici affinchè possano monitorare l'ossigenazione del sangue e contattare il medico di medicina generale: si tratta dello strumento più utile, dopo il tampone, per capire se si è infetti.
Queste richieste derivano dall'estrema esposizione al contagio del personale sanitario, che dovrebbe avere la dotazione delle mascherine FFP2 e FFP3, considerate le uniche in grado di proteggere dal Covid-19.
Finora ci siamo fatti carico, attraverso tutti i canali disponibili, di recuperare quanto più materiale possibile e continueremo a farlo, ma è altrettanto urgente chiederne la disponibilità attraverso un dispositivo normativo.
Le misure fin qui adottate si sono rivelate del tutto insufficienti per la tutela della salute pubblica.
Restiamo in attesa di un riscontro alle nostre istanze"

I Sindaci
Roberto Valettini, Sindaco di Aulla
Lucia Baracchini, Sindaco di Pontremoli
Annalisa Folloni, Sindaco di Filattiera
Camilla Bianchi, Sindaco di Fosdinovo
Claudio Novoa, Sindaco di Mulazzo
Carletto Marconi, Sindaco di Bagnone
Cristian Petacchi, Sindaco di Zeri
Filippo Bellesi, Sindaco di Villafranca l.
Matteo Mastrini, Sindaco di Tresana
Renzo Martelloni, Sindaco di Licciana N.
Gianluigi Giannetti, Sindaco di Fivizzano
Riccardo Ballerini, Sindaco di Casola L.
Antonio Maffei, Sindaco di Comano
Marco Pinelli, Sindaco di Podenzana



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità