QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 13°14° 
Domani 15°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
venerdì 22 settembre 2017

Attualità venerdì 14 aprile 2017 ore 15:30

Davide Trentini, l'autodenuncia di Welby e Cappato

Mina Welby e Marco Cappato si sono presentati dai carabinieri di Massa per autodenunciarsi dopo aver aiutato Davide Trentini ad ottenere l'eutanasia

MASSA CARRARA — In molti hanno aspettato l'arrivo di Mina Welby e Marco Cappato a Massa davanti ai cancelli dei carabinieri, arrivati in Toscana per autodenunciarsi dopo aver aiutato Davide Trentini, il 53enne malato di Sclerosi multipla, ad ottenere l'eutanasia in Svizzera.

Mina Welby e Marco Cappato, hanno entrambi rilasciato dichiarazioni spontanee ai carabinieri di Massa sul loro ruolo nella morte di Davide Trentini

"Mi sono autodenunciata per sostituire Marco Cappato, dopo che Marco aveva accompagnato Fabo in Svizzera. Ma è stato Marco che ha fatto il bonifico al centro svizzero in cui è morto Davide Trentini", ha detto Mina Welby che ha anche aggiunto di aver procurato una parte della documentazione necessaria al centro svizzero che ha accolto Trentini. 

Cappato si sarebbe invece occupato di trovare il denaro che mancava per essere ammessi al centro svizzero. Secondo quanto detto dopo l'autodenuncia di oggi sarebbe stata la mamma dell''uomo a chiamare Cappato il 25 agosto: "Mancavano soldi, ma Davide aveva detto che non poteva più aspettare", ha spiegato Cappato. Così è stata avviata una raccolta fondi attraverso ''Sos Eutanasia''.

Davide è stato accompagnato in Svizzera da Mina Welby, che replica la disobbedienza civile attuata da Marco Cappato a febbraio con dj Fabo.

Marco Cappato (tesoriere Associazione Luca Coscioni) e Mina Welby (co presidente Associazione Luca Coscioni) lo hanno aiutato fornendo informazioni e assistenza logistica e finanziaria grazie all’azione delle due realtà di disobbedienza civile da loro fondate: l’associazione “Soccorso civile” e il suo sito SOSeutanasia.

Associazione Coscioni si batte quotidianamente per le libertà civili dei cittadini in ogni fase della loro esistenza (su temi come libertà di ricerca, Legalizzazione dell'eutanasia, Testamento biologico, Eliminazione delle barriere architettoniche, Fecondazione assistita e iniziative per eliminazione divieti della legge 40).

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

massacarrara