comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 18°18° 
Domani 19°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 06 giugno 2020
corriere tv
Cosenza, aperitivo nel parco acquatico chiuso: polemiche sul figlio dell'assessore allo sport di Rende

Lavoro mercoledì 20 luglio 2016 ore 15:30

Imprese: regolamento urbanistico a rilento

Imprese preoccupate per l’eccessiva lentezza del percorso di approvazione del piano regolatore e per una pianificazione urbanistica molto debole



MASSA — I numeri del settore costruzioni non ammettono ulteriori rallentamenti o ripensamenti: nell’ultimo anno sono state 50 le imprese che hanno chiuso. L’anno precedente 138 per un saldo che è sempre più pesante e che ha portato alla perdita, negli ultimi cinque anni, di 2 mila addetti, un quarto della forza lavoro complessiva del settore. 

Numeri non soltanto imputabili al Comune di Massa, ma a tutta la provincia che marcano però un andamento pericoloso anche per la stabilità economica e sociale. Un’emorragia, come evidenziato anche dall’ultimo dossier della Camera di Commercio di Massa Carrara, che solo una pianificazione adeguata e strumenti normativi chiari, a fianco di politiche nazionali, possono fermare.

Timori e speranze che Cna, Confartigianato, Confindustria e Api hanno portato nuovamente all’attenzione dell’amministrazione comunale di Massa in occasione di un incontro con l’assessore alle attività produttive, Ulian Berti. “Le imprese – hanno spiegato le associazioni di categoria nella loro analisi - si attendono una ripresa delle ristrutturazioni e di piccoli lavori edili, dato un miglioramento del mercato immobiliare, così come si attendono benefici anche dal piano nazionale di messa in sicurezza dell’edilizia scolastica. Ma non basta. Lo sblocco del piano regolatore di Massa può finalmente mettere la parola fine alla crisi a livello locale dando finalmente quelle risposte che le imprese si attendono”. 

 Cna, Confartigianato, Confindustria e Api hanno chiesto anche informazioni sul piano di investimenti per l’anno in corso e per i prossimi. “Allo stato attuale – spiegano – gli investimenti per gli appalti pubblici sono ancora troppo marginali rispetto ad una prospettiva di vero shock per il comparto. Il settore ha bisogno di una iniezione di investimenti importanti a livello comunale e provinciali e di un piano regolatore chiaro che fornisca gli strumenti per favorire ristrutturazioni, riqualificazioni e recuperi edili. Prospettive che, ad oggi, sembrano ancora molto lontane”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Spettacoli