Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:MASSA CARRARA20°28°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Attualità sabato 11 aprile 2020 ore 09:00

Le mascherine fatte dai detenuti

Cinquemila mascherine chirurgiche realizzate nel carcere di Massa sono state consegnate ieri alla farmacia dell’ospedale di Livorno



LIVORNO — Cinquemila mascherine chirurgiche realizzate dai detenuti del carcere di Massa sono state consegnate ieri alla farmacia dell’ospedale di Livorno.

“L’idea di collaborare con le istituzioni penitenziarie – spiega Giuseppe Taurino, direttore del Dipartimento del farmaco della USL Toscana nord ovest – è nata all’inizio della pandemia da coronavirus, quando si verificò un fermento diffuso in tutte le carceri. Siamo andati a visitare la struttura di Massa dove esiste una sartoria industriale a tutti gli effetti la cui produzione poteva facilmente essere riconvertita per realizzare mascherine chirurgiche. Lì abbiamo trovato una organizzazione efficiente e persone molto motivate che possono produrre fino a 5mila pezzi al giorno: un numero importante che potrà contribuire ad accrescere la disponibilità e quindi a ridurre la presenza di eventuali speculatori. Dopo Massa anche nel carcere di Volterra potrà partire una produzione analoga, ma con numeri ancora più consistenti arrivando fino a 10mila mascherine al giorno”.

I dispositivi, realizzati in Tnt (tessuto non tessuto) hanno le stesse caratteristiche di quelli “Made in Toscana” testati dall’Ateneo fiorentino e possono essere distribuiti alla cittadinanza, nei check point, ai visitatori delle strutture sanitarie territoriali e ospedaliere o, in generale, a tutti gli ambienti no covid.

La direzione aziendale ringrazia l’amministrazione carceraria per la disponibilità. “La collaborazione tra istituzioni è sempre importante e determinante per una buona gestione del bene comune – sottolinea il direttore generale, Maria Letizia Casani - ma lo è ancor di più in momenti di difficoltà e di emergenza, come quelli che stiamo attraversando”.

Alla consegna erano presenti anche Lisanna Baroncelli (direzione medica dell'ospedale di Livorno) e Francesca Azzena (Direttore Uoc Farmaceutica Ospedaliera).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le organizzazioni criminali italiane e straniere si fanno largo infiltrandosi nell'economia legale. Presentata la Relazione semestrale della Dia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità