Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:45 METEO:MASSA CARRARA11°16°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità sabato 10 aprile 2021 ore 19:25

Furti e rapine in calo nell'anno del Covid

I dati sono emersi in occasione del 169esimo anniversario della fondazione della polizia di Stato: furti e rapine il calo del 38 e 40 per cento



MASSA CARRARA — Nel corso del 2020, l’andamento dei reati ha registrato una diminuzione nel suo complesso in linea con il trend nazionale, di circa il 24 per cento rispetto all'anno precedente. Il dato è emerso oggi, in occasione del 169esimo anniversario della fondazione della polizia di Stato.

Il perdurare della pandemia non ha consentito una cerimonia pubblica. La ricorrenza è stata quindi celebrata nella caserma della Martana con la deposizione di una corona in memoria dei caduti, alla presenza del questore Salvatore Calabrese e del prefetto Claudio Ventrice.

Il 2020, anno segnato dal Covid, ha reso necessario rivedere il sistema della sicurezza in relazione alle misure per contenere la diffusione del virus. Anche in questa giornata, infatti, il personale della polizia di stato è impegnato nei servizi straordinari dettati dalla crisi sanitaria.

"È per questo - ha detto il questore Calabrese - che intendo rivolgere attraverso i media il mio sincero ringraziamento alle donne e agli uomini di tutte le articolazioni e specialità della polizia di Stato di questa provincia, che ogni giorno, ogni notte, adempiono il proprio servizio con responsabilità, passione e sacrificio. Li ringrazio per l’impegno e la dedizione che, a tutti i livelli, hanno dimostrato e per tutte le difficoltà che hanno dovuto superare, soprattutto in questo difficile momento, facendo sempre e comunque il proprio dovere con abnegazione e professionalità, per rispondere ai bisogni della collettività. Ringrazio inoltre tutto il personale dell’Amministrazione civile dell’Interno per il prezioso e insostituibile lavoro svolto con altrettanta abnegazione e serietà professionale. Un grazie - aggiunge il Questore - va alle organizzazioni sindacali della Polizia di Stato e dell’Amministrazione civile dell’Interno, per il prezioso contributo fornito in questo periodo di crisi pandemica".

Dunque, il 2020 è stato caratterizzato da un lato dall'intensificarsi dei controlli sul territorio con 40666 persone controllate e 486 contestazioni di violazioni alle misure di contenimento, dall'altro da un generale calo dei reati rispetto all'anno precedente, in particolare per quanto riguarda furti e rapine: i furti, con una riduzione del 38% e le rapine con una riduzione del 40%.

Sono state arrestate in flagranza e su ordine dell’autorità giudiziaria 123 persone (140 nel 2019) denunciate 820 persone (535 nel 2019), dati di estremo rilievo se si pensa alle limitazioni imposte dalle misure per il contenimento della pandemia e alla diminuzione complessiva dei reati.

Nell’ambito della polizia amministrativa, maggior slancio è stato dato all’attività di controllo delle armi, ed ai controlli agli esercizi di ristorazione con un aumento esponenziale delle verifiche e delle sanzioni irrogate, soprattutto sul rispetto delle prescrizioni per il contenimento della pandemia ed in materia di somministrazione di alcolici a minori. In sintesi, sono stati effettuati 17 controlli presso esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, 7 controlli ai locali Pubblico Spettacolo, sono state ritirate 2 armi su provvedimento prefettizio (art. 39 1° comma TULPS) e 18 ritirate cautelativamente (art. 39 2° comma TULPS). Sono state ritirate 142 armi da distruggere e sono state rilasciate dalla PAS e dal Commissariato 897 licenze per porto d’armi, revocate 35 e 15 oggetto di diniego. Sono state effettuate 20 verifiche in materia di detenzione e custodia delle armi e sono stati contestati 15 illeciti amministrativi. Sono stati disposti 18 sequestri. Inoltre sono stati rilasciati dalla PAS e dal Commissariato 1771 passaporti.

La polizia stradale ha contestato 4850 contravvenzioni al codice della strada, e rilevato 257 incidenti, impiegando 2180 pattuglie.

La polizia ferroviaria, invece, ha effettuato controlli su 4609 passeggeri nelle stazioni di Massa e di Pontremoli, effettuando 3 arresti.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La ragazza a cui è stato inoculato sovradosaggio di siero anti Covid sta meglio ma è spaventata. Così la madre non esclude azioni per un risarcimento
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità