Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:59 METEO:MASSA CARRARA17°22°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
iPhone 13, recensione video

Cultura sabato 13 marzo 2021 ore 18:00

​Le colonie in Toscana raccontate in un libro

La scrittrice Manuela Piemonte parla del suo libro “Le amazzoni” e della ex Torre Balilla nella trasmissione Petrarca su Rai3



MASSA — Petrarca è un programma sul ricco mondo della cultura italiana, in onda il sabato alle 12.55 con contributi dalle redazioni regionali della TGR. Questa settimana il programma scruta dietro le quinte della Torre Balilla, conosciuta anche come Torre Fiat a Marina di Massa.

La Colonia marina Edoardo Agnelli (ex Torre Balilla, comunemente detta anche Torre Marina, Torre di Massa o Torre FIAT) è un grattacielo collocato nella pineta apuana. Realizzata nell'ambito del massiccio fenomeno propagandistico delle colonie di villeggiatura che catalizzò la cultura architettonica degli anni trenta, la Torre di Massa, conta diciassette piani con un'altezza di 52 metri, "un'unica, interminabile camerata" con sviluppo elicoidale, larga 8 e lunga 420 metri, atta ad ospitare circa 800 bambini. Il complesso della colonia infatti era destinato al soggiorno estivo dei figli dei dipendenti FIAT e sede di una colonia fascista. 

Negli anni ’40 ospitò a scaglioni 13.000 bambini dai 4 ai 14 anni, figli degli italiani impegnati in Libia, per passare tre mesi di vacanza. La scrittrice Manuela Piemonte, nella sua opera prima “Le Amazzoni” edito da Rizzoli, fa rivivere quel mondo attraverso le storie di tre sorelle di 9, 7 e 5 anni che qui soggiornarono per un lungo periodo mentre l’Italia, fuori da quel piccolo mondo separato, attraversava le pagine più dolorose della sua storia recente. Molti dei bambini rividero i loro genitori solo dopo la guerra nel ’46. La stessa scrittrice ha avuto l’esperienza diretta della colonia di cui ricorda con vividezza i giochi, le ansie e la forte nostalgia per la famiglia.

Sebbene l’idea delle colonie marine non sia da attribuire al fascismo, fu però quest’ultimo a dare grande impulso, costruendone di nuove ed impiegandole per i propri obiettivi politici e sociali: risanamento della razza con bambini forti che da adulti sarebbero diventati un esercito forte.

Fu il gerarca Renato Ricci, di Carrara, a esigere la costruzione o la conversione di questi edifici nella sua terra natia. Oggi, in totale, sul litorale di Marina di Massa esistono ben 27 colonie, 12 delle quali costruite durante il periodo fascista. La quasi totalità di queste strutture, danneggiate dagli eventi bellici, vennero negli anni poi progressivamente abbandonate.

Elisa Cosci
© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 4 i nuovi contagi emersi nelle ultime 24 ore e sono dislocati in due distinti territori comunali. Ecco in dettaglio i dati aggiornati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità