Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:59 METEO:MASSA CARRARA17°22°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
iPhone 13, recensione video

Attualità sabato 27 marzo 2021 ore 11:03

L'anno di Covid mangia 5 anni di crescita agricola

prodotti tipici

In provincia si è registrato un crollo del -54% delle esportazioni nei prodotti della terra, soprattutto vino e olio, per una perdita di 3,2 milioni



MASSA CARRARA — Un anno di Covid-19 si è mangiato 3,2 milioni di euro di esportazioni di prodotti agricoli nella provincia di Massa Carrara, con un crollo percentuale del -54% soprattutto per olio, vino e in generale i prodotti commercializzati all'estero. Complessivamente, negli scorsi 12 mesi segnati dalla pandemia è stata bruciata la crescita di 5 anni. La stima arriva da Coldiretti Massa Carrara e analizza i dati Istat relativi al trend dei flussi col mercato internazionale. 

"Il 2019 era stato per l’export agroalimentare della provincia di Massa Carrara il miglior anno di sempre. Quasi 6 milioni di euro di prodotti esportati all’estero, l’80% diretto verso i mercati dell’Unione europea. Una corsa iniziata nel 2015 - spiega l'organizzazione degli agricoltori - con 'appena' 1,3 milioni di euro di prodotti esportati che la pandemia si è divorata in meno di un anno".

"Tra il 2019 ed il 2020 (dato ancora provvisorio) il valore olio, vino ed altri prodotti agroalimentari commercializzati oltre confine ha subito un crollo del 54% passando da quasi 6 milioni a 2,8 milioni di euro. Un dato in linea con il calo generale della provincia di Massa Carrara (53,4%) imputabile, secondo la lettura dell’Istituto studi e ricerche della camera di commercio ai prodotti dell’industria lattiero caseari ma in controtendenza rispetto allo scenario regionale (+5%)". Sostanzialmente invariate invece le importazioni che subiscono una riduzione di cica 1 milione di euro passando da quasi 20 milioni a circa 19 milioni. 

“La faticosa conquista di pezzi di mercato all’estero da parte delle nostre aziende – analizza Francesca Ferrari, presidente Coldiretti Massa Carrara – è stata spazzata via in pochi mesi dagli effetti della pandemia. La contradizione peggiore è stata registrata nel secondo trimestre con una riduzione di quasi il 60%. La causa è da ricercare sicuramente, in parte, nel rallentamento degli scambi commerciali e nel taglio dei consumi con le chiusure della ristorazione per contenere il contagio. Per una provincia come la nostra dove due imprese agricole su tre sono a conduzione familiare ed hanno quindi una debole propensione ad aggredire fette di mercato straniero, è un dato enorme”.

La tendenza all’export agroalimentare della provincia di Massa Carrara è stata sempre in salita dal 2015. L’export ha subito un balzo del 355% in cinque anni con il fatturato complessivo più che raddoppiato tra il 2017 e 2018. Con 72 prodotti agroalimentari tradizionali censiti, 2 Dop (farina di castagne della Lunigiana e miele della Lunigiana Dop), la provincia di Massa Carrara da sola contribuisce con il 15% delle produzioni regionali. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 4 i nuovi contagi emersi nelle ultime 24 ore e sono dislocati in due distinti territori comunali. Ecco in dettaglio i dati aggiornati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità