Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:27 METEO:MASSA CARRARA10°13°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
venerdì 28 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Centrodestra ha tentato di dividerci, ho sbagliato a fidarmi»

Attualità mercoledì 03 agosto 2016 ore 18:07

Torano rinnova la battaglia contro la violenza

Torano Notte e Giorno rinnova la sua lotta contro la violenza. Nell'antico borgo, diecimila papaveri rossi, biancheria intima e ritratti feriti



TORANO — Dal 2013 il borgo degli artisti ha sempre messo al centro il tema della violenza di genere. Le opere-denuncia in mostra.

Nel piccolo borgo degli artisti sopra Carrara l’arte continua ad essere il linguaggio anti-femminicidio più efficace e penetrante. Dopo l’installazione choc di Emma Castà che nel 2013 aveva disseminato le scalinate della Chiesa con centinaia di scarpette rosse sono tante le tante altre opere che in questi anni hanno sempre di più caratterizzato la rassegna d’arte contemporanea diventata il simbolo della battaglia contro ogni forma di violenza di genere. Un messaggio che gli artisti dal ventre del paese rilanciano anche in questa diciottesima edizione, all’indomani della tragica vicenda di Vania Vannucchi, aggredita a Lucca, cosparsa di benzina e data alle fiamme, con una serie di opere ed installazioni di denuncia.

Le opere che parlano di femminicidio sono i 10mila papaveri del Comitato Pro Torano che collegano, come un filo rosso, il percorso espositivo della rassegna. Il papavero è da sempre il fiore associato alle battaglie dei diritti delle donne e al femminicidio. Ed ancora la biancheria intima di Patricia Glauser appesa ad un sottile filo bianco e fermate da mollette di colore rosso, il filo della vita spezzata da chi non sa amare in maniera sana ed i ritratti crudi di Mina Bahiraee che raffigura volti e particolari di donne che hanno subito maltrattamenti. “Torano, dal 2013, ha iniziato un percorso di sensibilizzazione e di denuncia contro la violenza di genere. – spiega Emma Castè, Direttore Artistico – E’ nato tutto in maniera molto spontanea. Invito i visitatori della rassegna a portare un oggetto, un indumento o qualsiasi altra cosa di colore rosse e a lasciarlo sulle scale della chiesa. Insieme dobbiamo dire basta”. La mostra è visitabile fino al 13 agosto con ingresso libero.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore il virus ha proseguito la sua corsa toccando tutti i territori comunali con prevalenza nel capoluogo. Ecco gli aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità