Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:56 METEO:MASSA CARRARA13°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Attualità venerdì 29 agosto 2014 ore 11:37

Costa apuo-versiliese, operazione mare pulito

Servizio di Serena Margheri

L'accordo, firmato in Regione, prevede la tutela delle acque marine della riviera apuo-versiliese attraverso un nuovo sistema di depurazione



FIRENZE — Garantire acque marine pulite su tutta la costa Apuo-versiliese grazie a sistemi di depurazione più efficienti: è questa la sfida lanciata dalla Regione Toscana per evitare che la prossima estate si ripetano i divieti di balneazione che hanno caratterizzato il 2014. A questo servirà l'accordo di programma firmato dalla Regione, dai sindaci della costa Apuo-Versiliese, dall'Autorità idrica toscana e da Gaia s.p.a.
A quest'ultima il compito di attuare gli interventi di estensione e adeguamento della rete fognaria oltre alla costruzione di 3 impianti ossigenatori sperimentali al Fosso dell'Abate, Fiumetto e Motrone. Costo complessivo degli interventi 38,6 milioni di euro. La regione dal canto suo ne investirà 4 per garantire il prestito a gaia di 17 milioni di euro necessari alla realizzazione delle opere più urgenti. Interventi che dovranno essere realizzati entro la prossima estate e sarà lo stesso presidente Rossi a vigilare sul rispetto dei tempi di attuazione.

Sarà il Collegio di vigilanza, espressamente previsto dall'Accordo, a tenere sotto controllo gli interventi e i relativi tempi di attuazione. In caso di mancato rispetto degli obblighi il presidente della Regione (che presiede il Collegio) potrà nominare un commissario ad acta per portare a termine i lavori in ritardo.

Verrà costituito anche un Coordinamento formato dai tecnici dei Comuni interessati e da un rappresentante dell'Autorità idrica toscana che monitorerà in continuo l'avanzamento dei lavori ed il rispetto dei tempi di realizzazione per evitare ritardi o problemi. Il Coordinamento riferirà al Collegio di vigilanza.

L'Accordo prevede infatti che sia quest'ultimo a monitorarne semestralmente l'attuazione e ad essere soggetto ad una verifica in termini di tutela ambientale entro la fine del 2016. Ad essere sottoposti a monitoraggio ambientale da parte dell'Arpat (l'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana) saranno le acque marino costiere destinate alla balneazione e i corpi idrici superficiali interni. Ai Comuni di Forte dei Marmi e di Pietrasanta spetterà invece il monitoraggio del reticolo minore delle acque interne, mentre a quello di Camaiore è affidato il monitoraggio della qualità delle acque dei tre fossi, dell'Abate, Fiumetto e Motrone.

L'obiettivo è scongiurare altri danni d'immagine alla Versilia e alla costa apuana anche perché al 4° divieto di balneazione, secondo le normative europee, scatta il divieto assoluto


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Enrico Rossi - intervista
Anna Rita Bramerini - intervista

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Chiuse le iscrizioni online alle superiori per l'anno scolastico 2023-2024, ecco gli indirizzi di studio più scelti dagli studenti della Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità