QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 5° 
Domani 8° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
lunedì 17 dicembre 2018

Attualità venerdì 30 novembre 2018 ore 18:20

Don Euro, il vescovo prosciolto contro pm e media

Il vescovo di Massa Carrara Giovanni Santucci, prosciolto due giorni fa, in una lunga nota critica la procura e i mezzi di informazione



MASSAROSA — Due giorni dopo essere stato prosciolto per mancanza di querela della parte danneggiata dalle accuse di truffa e appropriazione indebita per la vicenda di Luca Morini, alias Don Euro (vedi qui sotto gli articoli collegati), il vescovo di Massa Carrara e Pontremoli Giovanni Santucci ha scritto una lunga nota in cui critica duramente la procura di Massa e i mezzi di informazione.

"Provo un sentimento di delusione nei confronti della procura di Massa Carrara - scrive il vescovo - da 3 anni la mia persona e il mio ruolo ecclesiale sono stati senza alcun ragionevole motivo infangati e dati in pasto ad alcuni giornali, tv e social che non cessano di descrivermi, più o meno apertamente, come ladro e corruttore". 

"Ho dovuto constatare quanto poco, in una struttura di per sé tesa alla difesa della verità e della giustizia, possa essere tenuta in considerazione una persona, contribuendo ad allestire nei suoi confronti una vera e propria macchina del fango - scrive ancora il vescovo - Quella manifestata nei miei confronti mi appare come ostinata faziosità verso la Chiesa. Raccontando il mio ''caso'' i media hanno accreditato la ricostruzione di uno dei protagonisti delle tristi vicende di Luca Morini, narrando sempre le stesse cose e seguendo un medesimo teorema accusatorio. Credo non sia semplice giustificare, sul piano deontologico, un simile comportamento, se non come compiacenza ad alimentare curiosità morbose. Da oggi spero che il clamore si attenui. Per quanto mi riguarda continuerò a fare quello che ho sempre fatto: predicare il Vangelo, aiutare tutti i fratelli nel bisogno, e contribuire al bene della società". 

Il vescovo ha comunque precisato che i danni provocati da "una tale accanita gogna mediatica saranno opportunamente valutati nelle sedi dovute".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità