Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:MASSA CARRARA19°23°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»

Attualità domenica 10 marzo 2024 ore 18:50

Crisi in Mar Rosso, calo di attracchi commerciali nei porti toscani

cargo

Con gli attacchi sulla rotta di Suez meno arrivi di cargo e cisterne. In Toscana il commercio navale estero vale 8,8 miliardi. I dati Cgia di Mestre



TOSCANA — La crisi in Mar Rosso con gli attacchi Houti sulla rotta del canale di Suez ha già prodotto effetti sul commercio navale estero che in Toscana - fra importazioni ed esportazioni - implica un giro d'affari di 8 miliardi e 813 milioni di euro che adesso sono a rischio.

Nel primo bimestre 2024 a raffronto con lo stesso periodo 2023, il porto di Livorno a livello nazionale risulta fra i più colpiti dal calo di attracchi di cargo e cisterne, con un crollo in valore assoluto di 43 navi mercantili in meno (9,8%). Prima di Livorno c'è Genova (-61 unità, -10,7%) e a seguire invece ecco Venezia (-34 unità, -6,4%).

I dati arrivano da un report dell'ufficio studi della Cgia di Mestre i cui esperti, tuttavia, non ravvisano elementi di particolare gravità nel calo di 169 unità navali commerciali (-3,6%) registrato in Italia nei mesi in esame.

In Toscana non è solo Livorno (con un numero di attracchi passato da 441 a 398 unità) a patire il calo di attracchi: a Marina di Carrara fra Gennaio e Febbraio 2024 sono approdate 77 navi commerciali, a fronte delle 90 che avevano raggiunto lo scalo negli stessi mesi del 2023. Si tratta di 13 unità navali in meno che incidono per il -14,4% sui traffici complessivi.

Il calo nei porti italiani tabella

Gli attracchi di navi mercantili nei porti italiani (Fonte: Cgia Mestre)

Ma quali sono i prodotti a maggior rischio di approvvigionamento, e di conseguenza anche di impennata nei prezzi? "Dall’analisi delle categorie merceologiche emerge che dei 161,7 miliardi di euro a cui ammonta il commercio estero con i paesi influenzati dalla crisi del Mar Rosso, sono le macchine e gli apparecchi elettrici/meccanici le produzioni che potrebbero essere più penalizzate dai venti di guerra che stanno soffiando in quell’area", afferma il report. 

"Seguono i prodotti petroliferi e il gas naturale con 24,9 miliardi di import, i prodotti chimici/gomma/plastica con 18,9 miliardi (12,4 di import e 6,4 di export) e i metalli con 18,6 miliardi di euro (15,4 di import e 3,2 di export)", sono le parole degli esperti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Attesa un'altra giornata di maltempo. Si estende il codice giallo emesso dalla sala operativa della protezione civile. Le aree interessate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità