Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:20 METEO:MASSA CARRARA23°30°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Jaan Roose e l'impresa mai tentata prima: «Sfido me stesso. Attraverserò lo Stretto di Messina su una slackline»
Jaan Roose e l'impresa mai tentata prima: «Sfido me stesso. Attraverserò lo Stretto di Messina su una slackline»

Attualità domenica 04 giugno 2023 ore 19:30

Attesa per l'attracco della Life Support

life support

Macchina dell'accoglienza a pieno regime con i preparativi per lo sbarco dei 29 migranti tra cui donne e un bimbo. L'attuale posizione della nave



CARRARA — E' atteso per domattina l'attracco al porto di Marina di Carrara della nave di Emergency Life Support, a cui lo scalo toscano è stato assegnato quale porto sicuro dopo il salvataggio in acque internazionali di 29 migranti fra cui 3 donne e un bambino di 2 anni avvenuto il 2 Giugno scorso.

L'arrivo della nave era stato sin da subito fissato per lunedì 5 Giugno, mentre l'orario inizialmente previsto per le 9,50 potrebbe essere anticipato alle 8 per via delle buone condizioni di navigazione. Life Support - che si trova vicina alle acque toscane come si vede dalla posizione aggiornata alle 12,15 di oggi 4 Giugno nella mappa in calce dal sito vesselfinder.com - attraccherà alla banchina Taliercio. Quindi inizieranno le operazioni di prima accoglienza secondo un'organizzazione ormai rodata e che marcia a pieno regime per i preparativi.

Le persone soccorse erano partite da Sabratah, in Libia, la notte del 1 Giugno scorso. Provengono da Eritrea, Etiopia, Gambia e Sudan. Una nota di Emergency riporta alcune loro testimonianze.

“Il padre di mio figlio ora è in Libia – racconta la donna di 22 anni proveniente dall’Eritrea e soccorsa assieme al figlio di 2 anni –. Volevamo mettere in salvo il bambino da quell’inferno, ma non avevamo i soldi per pagare il viaggio per tre. Ci siamo detti che nostro figlio doveva studiare e non vivere in un Paese dove la gente viene uccisa per strada. Il mio amore si è sacrificato. Ora ho paura che non ci rivedremo mai più”.

“Al momento della partenza, provavamo tutti un senso di speranza. Sull’imbarcazione c’erano due motori. Ci avevano detto che le luci delle piattaforme petrolifere erano l’Italia e quindi a noi tutti sembrava un viaggio semplice. Invece dopo poche ore dalla partenza, il primo motore si è rotto. – racconta un ragazzo del Gambia di 18 anni –. Ne restava solo uno e non eravamo neanche a metà del viaggio. Ero nel panico ma non sarei tornato indietro perché in Libia si rischia la vita ogni giorno”.

“Il governo italiano ci ha assegnato un porto distante 662 miglia e circa 70 ore di navigazione dal luogo del soccorso", commenta Albert Mayordomo, capomissione della Life Support. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, che era alla guida dell'auto finita fuori strada, è riuscita ad aggrapparsi ad un albero ed ha aspettato l'arrivo dei soccorritori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità