QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 10°13° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
venerdì 06 dicembre 2019

Attualità lunedì 02 dicembre 2019 ore 16:14

Bedizzano, due soluzioni contro l'acqua torbida

L’assessore all’Ambiente Sarah Scaletti ha incontrato nei giorni scorsi tecnici e dirigenti di Gaia Spa e una delegazione di residenti



CARRARA — L’assessore all’Ambiente Sarah Scaletti ha incontrato nei giorni scorsi tecnici e dirigenti di Gaia Spa e una delegazione di abitanti del paese di Bedizzano: oggetto della riunione le criticità legate all’approvvigionamento idrico della frazione, che solo nel corso del 2019 è stata sottoposta a tre ordinanze di divieto per l’uso dell’acqua erogata dal pubblico acquedotto. 

"Le fonti che alimentano il paese - si legge in una nota del Comune- sono infatti soggette sempre più frequentemente al fenomeno dell’intorbidamento: per questo già da tempo attraverso l’assessore Scaletti, l’amministrazione carrarese ha sollecitato il gestore a intervenire mettendo a punto soluzioni strutturali. Si è così arrivati all’individuazione di due distinte soluzioni. Nel corso dell’incontro dunque i tecnici di Gaia hanno anticipato ai residenti di Bedizzano tali soluzioni: la prima, da realizzarsi a breve termine, prevede un ripensamento della gestione dell’acqua che sgorga dalle quattro sorgenti situate nei pressi del paese e che alimentano anche Codena e Bergiola, in modo tale che in caso di criticità su una di esse, le altre tre riescano a soddisfare comunque anche le necessità di Bedizzano senza privare il paese dell’approvvigionamento; la seconda soluzione, a media scadenza, contempla un sistema che permetta in caso di necessità di portare a Bedizzano l’acqua della sorgente Ratto, che si trova nella zona delle Canalie. In entrambi i casi si tratta di opzioni che scatterebbero solo ed esclusivamente in caso di problematiche alle fonti che normalmente alimentano Bedizzano e per evitare la sospensione dell’erogazione dell’acqua del pubblico acquedotto".

"La situazione del paese di Bedizzano è diventata ormai intollerabile- ha dichiarato Sarah Scaletti-. I disagi a cui sono sottoposti gli abitanti sono enormi. Per questo già da tempo abbiamo chiesto e ottenuto la disponibilità del gestore ad anticipare una serie di interventi e investimenti che erano previsti tra diversi anni e che invece partiranno a stretto giro. In particolare il ripensamento della gestione delle quattro fonti situate attorno al paese potrà essere messo in campo sin da subito per concludersi entro l’inizio della primavera e dare quindi una risposta immediata al problema dell’intorbidamento. Il tutto senza privare Bedizzano delle sue sorgenti che sono una risorsa importante e molto cara agli abitanti. Parallelamente a questi lavori sarà quindi importante avviare anche uno studio per comprendere a cosa sia dovuto il ripetersi del fenomeno, così da poter ripristinare la funzionalità delle sorgenti". I residenti hanno ascoltato con interesse le proposte illustrate dal gestore. L’amministrazione si è impegnata a convocare un nuovo incontro prima di natale, per condividere lo stato di avanzamento dei progetti.



Tag

Salvini: «Il leader delle sardine non vuole confrontarsi con me? La cosa è reciproca»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità