comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:01 METEO:MASSA CARRARA13°16°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 28 novembre 2020
corriere tv
Le ultime immagini di Maradona, passeggia e ricambia il saluto di una bambina

Attualità giovedì 24 settembre 2020 ore 11:08

Una fontana per la scalinata ritrovata

L'artista Beatrice Taponecco ha realizzato una fontana dedicata ai cavatori e all’acqua che sarà posizionata alla Scalinata del Littorio



CARRARA — Una fontana per la "Scalinata ritrovata". L'opera, realizzata da Beatrice Taponecco e donata al Comune dalla sezione di Carrara del Club Alpino Italiano, è stata pensata per essere posizionata a metà della scalinata del Littorio. L'inaugurazione è in programma per sabato 26 settembre, alle 17.30.

Nel 2018 Cai e Accademia di Belle Arti di Carrara avevano promosso un concorso di idee con lo scopo di recuperare la Scalinata e Beatrice Taponecco, vincitrice del concorso, ha realizzato una fontana dedicata ai cavatori e all’acqua.

La Scalinata del Littorio, composta da 542 scalini immersi nel bosco che collegano Carrara a Codena, è stata fonte di ispirazione per l’artista; i colori della macchia mediterranea e le pietre presenti hanno suggerito forme e materiali legati alla vita dei cavatori, che percorrevano questa strada quando alle cave ancora si andava a piedi. In una lastra di ferro grezzo sono incise le parole che San Francesco ha dedicato all’acqua: “Laudato sì, mi Signore per sor’ acqua, la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta”. Il ferro va a incastrarsi in un grande informe di pietra disegnando il profilo delle Apuane. E’ dalla lastra che sgorga l’acqua: due mani congiunte (fusione in bronzo della mani della scultrice) la porgono come dono, accompagnandone il fluire in un bacile di marmo solo in parte modellato. L’alternanza dei materiali e delle superfici, ora levigate ora grezze, vuole mettere in risalto come dalla dura e fredda pietra possano emergere forme morbide e leggere.

Il progetto è stato presentato alla Commissione cultura del Comune, riscuotendo il consenso dell’Assessore alla Cultura Federica Forti e del Presidente Cesare Bassani.

Lo scorso 9 giugno la Giunta comunale ha ritenuto di accettare la donazione dell’opera dopo il parere positivo espresso dal Comitato di valutazione delle Opere d’arte. La Consigliera comunale Barbara Bertocchi ha seguito l’iter per l’installazione della fontana, assieme al CAI e al laboratorio SGF Scultura di Torano. Il progetto proseguirà arricchendosi di nuove sculture e installazioni.

La 32 enne Beatrice Taponecco, originaria di Sarzana, vive e lavora a Carrara, dove si dedica alla scultura del marmo. Diplomata al Liceo Artistico Statale di Carrara, ha studiato Architettura all’Università di Firenze, poi Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Carrara dove si è laureata con il massimo dei voti in Scultura al Biennio Specialistico.

 Ha partecipato a numerose mostre, personali e collettive e vinto concorsi di rilevanza internazionale: nel 2019 è stata selezionata tra i sei finalisti del Premio Unesco Carrara Città Creativa, Concorso Ficlu Forum Internazionale di giovani scultori del marmo di Carrara.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità