Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:38 METEO:MASSA CARRARA10°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Germania, la standing ovation per Angela Merkel in parlamento

Attualità giovedì 26 febbraio 2015 ore 10:17

Giovani e spiagge aperte a Balnearia

​Studenti e istituzioni hanno affrontato il tema della fruizione degli arenili per le persone con problematiche di disabilità per favorirne l’accesso



CARRARA — “Se vogliamo sviluppare il turismo come attività economica dobbiamo davvero e concretamente fare sistema fra amministrazioni, istituzioni e imprenditori impegnandoci per mettere a disposizione di tutti le opportunità che la natura ci offre. Fra queste anche le spiagge che devono essere fruibili da tutte le persone senza distinzioni perché un sistema di ospitalità aperto a tutti crea ricchezza e ricadute generalizzate”

Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, intervenendo alla tavola rotonda su L’accessibilità e l’ospitalità alle spiagge per le persone con problematiche di disabilità organizzata nell’ambito di Balnearia dalla consulta delle persone con disabilità del comune di Carrara, ha affrontato alcuni dei tanti aspetti legati alla fruibilità e all’eliminazione di ogni barriera sottolineando che “Carrara, che ha ottenuto l’ambita Bandiera Blu per la qualità delle spiagge e delle acque, può andare oltre invitando tutti ad una riflessione sulla possibilità di inserire fra i requisiti per l’ottenimento del riconoscimento anche l’accessibilità delle coste”.

L’iniziativa, che ha visto la partecipazione di un numero straordinario di studenti delle scuole medie superiori, aveva come obiettivo quello di aprire un confronto fra i tanti soggetti che devono occuparsi dell’abbattimento delle barriere di ogni genere perché ogni persona abbia gli stessi diritti, compreso quello della libertà di muoversi senza ostacoli o impedimenti.

Su questi concetti e sul lavoro che è stato fatto, ma anche su quello che ancora resta, si è soffermato Massimo Toschi, consulente del presidente della Regione per i diritti dei disabili, sottolineando come anche singoli episodi che portano all’esclusione anche di una sola persona finiscono per essere una sconfitta per tutti. Su questo tema, ma anche su quanto stanno facendo o faranno le amministrazioni locali, sono iniziate le testimonianze degli amministratori che hanno il compito di tutelare i diritti di tutti come il comune di Pietrasanta che, ha sottolineato Italo Viti, assessore all’ambiente, ha fatto proprio il concetto che spiagge e territori che assicurano facilità e libertà di movimento ampliano il numero dei potenziali turisti e creano così business per tutti. Pietrasanta ha fatto una scelta di campo e sta mettendo a punto un progetto per rendere accessibile la spiaggia pubblica a tutti comprendendo, ovviamente anche le persone con problemi di disabilità.

Il sindaco di Massa, Alessandro Volpi, ha messo in evidenza che “il sindaco primo difensore dei disabili può contribuire, con il suo impegno istituzionale, a definire regole che devono essere applicate sul territorio sia attraverso gli strumenti urbanistici sia con indirizzi che devono essere recepiti in funzione della fruibilità dei luoghi. Le spiagge, che sono beni demaniali – ha sottolineato Volpi – soprattutto per il nostro territorio sono una ricchezza che, se sfruttata ancora meglio e messa alla portata davvero di tutti, può contribuire ad ampliare l’offerta turistica e, di riflesso, l’economia”.

Delle relazioni inscindibili fra fruibilità dei beni collettivi ed economia del territorio ha parlato Leris Fantini del CERPA Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell'Accessibilità) illustrando una serie di dati e informazioni a sostegno di un concetto essenziale: aumentare la platea dei fruitori di un bene o di un servizio significa creare business. Per farlo, però occorrono regole e condivisione del progetto da parte di tutti gli attori: associazioni e istituzioni in primis.

Soddisfatto il presidente della consulta Pierangelo Tozzi che, di fronte ad una sala gremita, ha ribadito che la partecipazione è stata “importante perché ci ha permesso di consegnare ai giovani, prima di tutto, ma anche alle istituzioni, una visione ampia di un problema complesso che richiede attenzione e sensibilità per tenere accesi i riflettori su temi delicati e importanti che interessano tante famiglie. Oggi, ha concluso, abbiamo fatto incontrare e confrontare esperienze, conoscenze e sensibilità che possono contribuire a costruire nuove opportunità anche per le attività economiche con una sensibilità nuova che si basa su conoscenze condivise”.


Ingressi: N.5 e 6 Via Maestri del Marmo; N. 3 Viale C. Colombo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Riapre sabato prossimo l'hub vaccinale al padiglione 5 del centro servizi. Ecco cosa accade per chi aveva prenotato al vecchio ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità