QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MASSA CARRARA
Oggi 11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 16 novembre 2019

Attualità martedì 28 marzo 2017 ore 09:20

Agromafie, Massa Carrara a metà classifica

Anche l'agricoltura e l'agroalimentare sono settori interessanti per la criminalità organizzata. E la Provincia si trova al 68esimo posto



MASSA — Si classifica subito dietro ad Arezzo (65°), Grosseto (66°) e Lucca (67°) e davanti a Pisa (69°). A dirlo è il quinto Rapporto Agromafie elaborato da Coldiretti in collaborazione con Eurispes e l’Osservatorio sulla criminalità agroalimentare

La classifica, spiega il rapporto, è calcolata sulla base delle risultanze quantitative delle azioni di contrasto specifiche messe in atto dalle diverse Forze dell’ordine per questo particolare aspetto criminale. Il livello di intensità mafiosa si concentra soprattutto nel centro-sud e la Toscana nel suo complesso si colloca su livelli medio bassi, quindi sotto la media nazionale: le prime due province sono Livorno e Firenze rispettivamente in posizione 38 e 39.

Il rapporto prende in esame anche un altro indice di rischio, quello della permeabilità di un territorio alle agromafie (Ipa), in considerazione di caratteristiche intrinseche alla Provincia stessa di ordine sia sociale, sia criminale, sia economico/produttivo. 

Massa Carrara si colloca in fondo alla classifica con un indice di 15,89. Foggia, per fare un esempio, ha un indice di 100, Livorno, che è la prima provincia Toscana 19,51.

“La nostra regione pur essendo abbastanza immune rispetto a questo fenomeno – dice Vincenzo Tongiani, presidente Coldiretti Massa Carrara, in una nota– ha alcune caratteristiche che possono renderla appetibile per le organizzazioni malavitose che dispongono di risorse da investire in agricoltura. Oltre a questo il nostro territorio ha un'immagine che si vende al mondo e la contraffazione dei prodotti made in è sulle cronache quotidiane. Ben vengano quindi i controlli effettuati dalle forze dell’ordine che, nell’anno appena passato, sono stati oltre duecentomila in tutta Italia per combattere le agromafie dal campo allo scaffale”.

Dal Rapporto emerge come la filiera del cibo, dalla sua produzione al trasporto, dalla distribuzione alla vendita, compresa la ristorazione, ha tutte le caratteristiche necessarie per attirare l’interesse delle organizzazioni malavitose. “Seppure la nostra regione, e la nostra provincia, viva una situazione relativamente più tranquilla rispetto ad altre realtà, occorre non abbassare la guardia e continuare a contrastare il fenomeno agromafie a tutti i livelli, dai terreni agricoli alle segrete stanze in cui si determinano in prezzi, fino alla fase della distribuzione di prodotti che percorrono centinaia e migliaia di chilometri prima di giungere al consumatore finale - sottolinea Maurizio Fantini, direttore Coldiretti Massa Carrara -. E' per questo che servono la trasparenza e l’informazione dei cittadini che devono poter conoscere la storia del prodotto che arriva nel piatto. Ma occorre anche vigilare sul sottocosto e sui cibi low cost dietro i quali spesso si nascondono ricette modificate, l’uso di ingredienti di minore qualità o metodi di produzione alternativi se non l’illegalità o lo sfruttamento”.



Tag

Sentenza Cucchi, Di Maio: «Salvini dovrebbe scusarsi con la famiglia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca