Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:45 METEO:MASSA CARRARA11°16°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità lunedì 03 maggio 2021 ore 12:06

Per l'idrovora il Consorzio chiede la Via

Ismaele Ridolfi
Ismaele Ridolfi

Dal presidente dell'ente consortile si chiede alla Regione la valutazione di impatto ambientale entro un percorso di sicurezza e trasparenza



MASSA — Per l'idrovora di Poveromo il presidente del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord Ismaele Ridolfi chiede alla Regione di procedere a Valutazione di impatto ambientale (Via) così da arrivare alla realizzazione dell'impianto nel solco di un percorso partecipato che contemperi sicurezza idraulica, benessere ambientale e rigore scientifico. Ridolfi affida la propria posizione a un'articolata nota.

E sono cinque le parole che cita il presidente Ridolfi per affrontare in modo positivo la questione del progetto dell’idrovora di Poveromo. La prima è sicurezza dal rischio idraulico: "Stiamo infatti parlando di un’area fortemente esposta a frequenti allagamenti e che necessita di essere messa in sicurezza prima possibile", afferma Ridolfi.

La seconda è rigore scientifico: "Non si possono accettare ipotesi tecniche non suffragate da studi seri e fondati su dati oggettivi". E ancora: "Senza rigore scientifico non esistono i presupposti per un confronto utile a trovare soluzioni condivise".

Terzo: partecipazione. "Concordo con le associazioni ambientaliste, i comitati ed i cittadini preoccupati perché è attraverso un processo inclusivo con chiunque manifesti interesse a esprimere le proprie considerazioni con idee proprie e/o critiche motivate, che si possono trovare le migliori soluzioni", prosegue il presidente del Consorzio ricordando i canali partecipativi già previsti nell'iter di approvazione del progetto. Tra questi, la Conferenza dei servizi del prossimo 18 maggio: "Chiunque potrà presentare osservazioni avverse al progetto entro le 48 ore prima del 18 maggio", rammenta Ridolfi manifestando inoltre la disponibilità del Consorzio "ad illustrare il progetto a chiunque lo richieda".

Poi la trasparenza: "Il consorzio vuole essere una casa di vetro". Infine ma solo in ordine di esposizione, il quinto punto è il rispetto dell'ambiente: "Per questo le domande che arrivano dai cittadini, dalle associazioni ambientaliste, dagli amministratori, preoccupati dell’impatto che l’opera può avere sull’ambiente circostante, devono trovare risposte scientifiche e certe. Per questo, come Consorzio 1 Toscana Nord, abbiamo chiesto alla Regione Toscana che sul progetto sia attivata la procedura di Valutazione dell’Impatto Ambientale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La ragazza a cui è stato inoculato sovradosaggio di siero anti Covid sta meglio ma è spaventata. Così la madre non esclude azioni per un risarcimento
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità