Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:52 METEO:MASSA CARRARA12°20°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il centro di Catania scomparso sotto la forza dell'acqua

Attualità mercoledì 22 settembre 2021 ore 16:24

Pattona, tordelli e ciorchiello nel registro DeCo

Il ciorchiello
Il ciorchiello delle Casette
Foto di: Luca Fialdini / Facebook

Nell'elenco da leccarsi i baffi dei prodotti a denominazione comunale d'origine entrano nuove prelibatezze e tipicità del territorio



MASSA — Pattona, tordelli massesi, lasagna intordellata-stordellata, il ciorchiello di Casette, la caciotta classica di Antona, il pane e focaccia di San Carlo: è il menu delle nuove prelibatezze da ieri iscritte nell'elenco da leccarsi i baffi De.Co., ovvero dei prodotti tipici con riconoscimento di Denominazione comunale di origine. La commissione preposta ha analizzato nuove domande e approvato l’iscrizione nel registro di questi ulteriori prodotti tipici massesi e a renderlo noto è l’assessore alle attività produttive Paolo Balloni che ha presieduto la riunione.

“E’ volontà dell’amministrazione comunale – commenta l’assessore - valorizzare non solo i prodotti enograstronomici, ma anche quelle sagre che storicamente propongono tipicità locali. Significativo il fatto che per la prima volta viene riconosciuta la denominazione ad una sagra come quella della pattona di Pariana, ma anche a prodotti tradizionali promossi da altre sagre come la lasagna intordellata-stordellata tipica della sagra de Le Grazie e il ciorchiello dell’omonima sagra di Casette”.

Le domande sono state analizzate positivamente e entreranno a far parte dell’elenco che già comprende il tordello fornese, i taglierini coi fagioli Bergiolesi, la torta di riso alla massese, il limone di Massa e l’acqua Fonteviva. E per chi volesse candidare un altro prodotto o ricetta, sul sito del Comune di Massa è disponibile la modulistica dedicata.

“I prodotti De.Co. stanno diventando sempre più numerosi ed è positivo il fatto che il territorio abbia compreso l’importanza dell’iscrizione nel relativo registro indispensabile per partecipare agli specifici percorsi di valorizzazione e promozione”, aggiunge l’assessore Balloni rimarcando come la promozione delle tipicità locali vadano a supporto dell’economia turistico-commerciale e della ristorazione del territorio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nessun altro caso nel resto della provincia apuana. I dati aggiornati alle ultime ventiquattro ore dal report regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cultura

Attualità