Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:21 METEO:MASSA CARRARA10°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Attualità mercoledì 14 dicembre 2016 ore 11:30

Presentato il bilancio del Comune

Un percorso difficile ma " serve un cambio di rotta ministeriale sul prelievo del Fondo di solidarietà comunale". Così l'assessore Gianfranceschi



MONTIGNOSO — "Se pensiamo alle difficoltà di un'amministrazione in tema di riorganizzazione di finanza pubblica e i cambiamenti a cui siamo sottoposti con le variazioni delle leggi di bilancio – ha sottolineato il Sindaco Gianni Lorenzetti – abbiamo concentrato in questi anni quello che non è mai stato fatto prima. In questo clima abbiamo fatto emergere tutto ciò che doveva essere chiarito, abbiamo pagato tutto quello che doveva essere pagato senza mai piegarci, guardando sempre avanti".

Con il sostanziale equilibrio di cassa l'amministrazione è infatti riuscita a confermare il pareggio finanziario e le coperture delle spese correnti per il finanziamento degli investimenti. Un risultato positivo anche perché il ricorso costante all'anticipazione di cassa porta a costi aggiuntivi in termini di interessi.

"La difficoltà strutturale e contabile di questo esercizio è la coda di un errore dell’Agenzia delle Entrate compiuto nel dicembre del 2014 – ha affermato l'Assessore al Bilancio Raffaello Gianfranceschi – l’Ente infatti si è trovato a gestire, nel 2015, una mancanza di risorse non previste e non prevedibili che sono state trovate con enorme difficoltà. Un intervento che ha causato una riduzione delle spesa pur mantenendo la sostanza dei servizi sociali. Nel 2016, con gli stessi prelievi e grazie a entrate straordinarie, sono stati mantenuti tutti i servizi e indirizzate risorse alla copertura degli ultimi debiti di antica provenienza. Un'amministrazione pubblica però non può vivere di risorse straordinarie ed in permanenza di prelievi che arrivano per il nostro Comune al 50% dell'Imu versato nelle casse comunali e di oltre il 24% delle entrate di parte corrente compresa la TARI, difficilmente si possono programmare interventi di riduzione delle tariffe e di nuovi investimenti".

Proprio per arrivare a un cambio di rotta il Comune di Montignoso ha aderito a una vera e propria battaglia portata avanti da 29 Comuni toscani a fianco dell'ANCI per chiedere al Ministero un tetto massimo nell'applicazione dei prelievi previsti all'interno del Fondo di solidarietà comunale, il “contenitore” alimentato con parte del gettito IMU di competenza dei Comuni.

"Stiamo partecipando a tutti i livelli locali, regionali e nazionali – conclude Gianfranceschi – seguiamo e sollecitiamo il Governo nella consapevolezza che esiste una profonda diseguaglianza determinata da un sistema meccanico matematico che porta evidenti vizi. La TASI che dovrebbe garantire un ristoro per i servizi del nostro territorio e per gli altri 28 Comuni diventa fonte di ulteriore prelievo. Se non ci saranno risposte il tono della discussione si alzerà".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
​I nuovi contagiati dal coronavirus nella provincia sono 159, in flessione rispetto a ieri. Positivi sono emersi anche nei Comuni della Lunigiana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità