comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:54 METEO:MASSA CARRARA10°13°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 05 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Venezia, torna in funzione il Mose

Lavoro lunedì 18 maggio 2020 ore 14:35

"Straordinari agli infermieri pagati regolarmente"

Così l'Azienda Usl Toscana nord ovest nel replicare a quanto denunciato dal sindacato. "Il Nursind ha preso un'abbaglio" dicono dalla Ausl



PISA — “La Asl Toscana nord ovest ha regolarmente liquidato gli straordinari sia agli OSS, sia agli infermieri - assicura l'azienda sanitaria, replicando alle accuse mosse dal sindacato Nursind (Covid, gli infermieri: "Usl non paga straordinari").

“Evidentemente - prosegue la nota della Ausl - il Nursind si riferisce al pagamento dell’attività aggiuntiva, oggetto di un accordo siglato il 4 marzo scorso che prevedeva il riconoscimento economico aggiuntivo di 30 euro l’ora per il personale impegnato nelle attività Covid”.

“La settimana scorsa abbiamo regolarmente comunicato, alle organizzazioni sindacali, compreso il Nursind, che i compensi relativi all’attività aggiuntiva, svolta nei mesi di marzo e aprile, saranno liquidati a giugno. Ciò è dovuto al fatto che le modalità di utilizzo dell'apposito codice di timbratura di tale attività non sono state probabilmente ben esplicitate nelle fasi iniziali, per evitare di corrispondere importi non dovuti per poi doverli recuperare, è stato necessario verificare che le ore in più siano state effettuate nei reparti Covid, nelle USCA territoriali, nelle RSA, negli alberghi sanitari e non nelle prestazioni ordinarie”

“Gli operatori - concludono dalla Azienda Usl Toscana nord ovest - troveranno nella busta paga di maggio l’acconto del premio Covid, frutto dell’accordo tra Regione Toscana e Organizzazioni Sindacali, mentre il saldo è previsto nel mese di giungo. Quindi, nel cedolino di queste mese, circa novemila operatori del comparto (infermieri, OSS, assistenti sociali, tecnici di laboratorio e di radiologia e amministrativi che sono stati a contatto con l’utenza), vedranno liquidato, oltre allo stipendio e gli straordinari, anche un premio individuale che va da 600 a 250 euro per un totale di circa 2 milioni e 800 mila euro. La fase finale, prevista per giugno, vedrà il riconoscimento del premio complessivo per il quale la Regione Toscana ha messo in campo 38 milioni di euro, un segnale forte e concreto verso tutti gli operatori che nel periodo di massima allerta hanno saputo rispondere, da veri professionisti, alle esigenze della popolazione sia negli ospedali, sia sul territorio, tutelando la salute di tutti i cittadini.



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità