Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:MASSA CARRARA14°16°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità giovedì 30 gennaio 2020 ore 10:36

Nuovi ospedali, i costi di gestione

L'ospedale di Pistoia

L'assessore regionale Stefania Saccardi fa il punto sulle tariffe annue relative ai quattro presidi di Apuane, Pistoia, Lucca e Prato



PISTOIA — “Il totale delle tariffe annue di tutti i servizi non sanitari per i quattro presidi ospedalieri di Apuane, Pistoia, Lucca e Prato ammonta a circa 36 milioni di euro”. Lo ha dichiarato l’assessore Stefania Saccardi, rispondendo ad un’interrogazione della consigliera Monica Pecori (gruppo misto-Tpt).

"L’assessore - si legge in una nota del Consiglio regionale- ha precisato che i quattro nuovi presidi sono stati realizzati ricorrendo alla finanza di progetto, con un unico concessionario per le quattro convenzioni: la società SA.T. spa, con sede legale a Prato abilitata a svolgere i servizi non sanitari e commerciali previsti alle convenzioni. Le tariffe relative ai servizi non sanitari sono corrisposte in funzione del numero di prestazioni erogate, mentre i proventi dei servizi commerciali sono a rischio del concessionario. Il perseguimento dell’equilibrio economico finanziario degli investimenti è assicurato dai corrispettivi per le prestazioni dei servizi non sanitari, che le attuali due aziende sanitarie erogano al titolare della concessione e risultano comprensive delle quote per il rimborso del capitale e dei relativi oneri finanziari, che sono stati dedotti per giungere al dato indicato, al netto di Iva e aggiornamento inflattivo. L’assessore ha inoltre precisato che la società consortile Ge.Sat rappresenta un soggetto giuridico di emanazione del concessionario, verso il quale né la Regione, né le aziende sanitarie hanno corrisposto alcuna somma, non intercorrendo alcun rapporto contrattuale. Al concessionario sono infine stati riconosciuti costi aggiuntivi solo per circostanze straordinarie ed occasionali, non previste nel capitolato speciale prestazionale per la gestione dei servizi".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Avevano rubato i dispositivi informatici ai bambini e svaligiato persino i distributori di merendine. Erano due fidanzati, adesso sono in arresto
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità