Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MASSA CARRARA18°21°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius

Attualità giovedì 15 giugno 2023 ore 09:02

Infezioni nosocomiali, la Toscana ha un piano

ospedale

Spesso imputabili a batteri resistenti alle terapie antibiotiche, rappresentano una minaccia per la salute pubblica tra le più diffuse



FIRENZE — Formazione, appropriatezza e sorveglianza: sono i pilastri alla base del piano varato dalla Regione Toscana e valido dal 2023 al 2025 contro le infezioni nosocomiali, infezioni contratte all'interno degli ambienti ospedalieri e spesso imputabili a batteri resistenti alle terapie antibiotiche. Si tratta di una delle più diffuse minacce per la salute pubblica, fenomeno monitorato anche a livello internazionale. 

La giunta regionale toscana ha approvato di recente un piano triennale che vede impegnate, insieme, aziende sanitarie ed ospedaliere, ospedali privati accreditati, strutture di cure intermedie accreditate, centri di riabilitazione e Rsa.

“Si tratta di una sfida complessa che si affronta con più azioni - spiega l’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini –. Prevenzione, appropriatezza nell’uso degli antibiotici, l’uso degli stessi protocolli in tutto il territorio regionale, con una sensibilità diffusa non solo tra gli addetti ai lavori ma anche nel vasto pubblico costituiscono i cardini delle azioni che metteremo in campo”.

La Toscana investirà sulla formazione, con un programma straordinario sulle infezioni finanziato con risorse del Pnrr. Saranno 20mila i professionisti che ne usufruiranno: non solo personale sanitario ma anche socio sanitario. Successivamente ne potranno usufruire anche i medici di medicina generale, odontoiatri, farmacisti ed altre categorie professionali.

Sarà inoltre rafforzata la rete di sorveglianza dell’antibiotico-resistenza costituita dai laboratori di microbiologia delle aziende sanitarie. Già oggi in quelle strutture si raccolgono dati sulle specie clinicamente più significative, più resistenti agli antibiotici e causa di batteriemia, ovvero di infezioni del sangue, come Klebsiella pneumoniae o Escherichia coli. Adesso l’attività sarà allargata ad ulteriori sorveglianze, in cui saranno coinvolti pure i privati accreditati.

Il contrasto delle infezioni da batteri resistenti passa anche dall’appropriatezza di uso degli antimicrobici, dal monitoraggio nell’uso di questi e dalla consapevolezza dei cittadini su quale ne sia l’uso appropriato: un’attenzione che riguarda anche l’ambito veterinario. Al riguardo sarà promossa una campagna di comunicazione, anche sui social per raggiungere il maggior numero di persone.

Tra gli obiettivi del piano c’è poi la volontà di uniformare le modalità di gestione delle infezioni, l’attivazione di protocolli omogenei e il recepimento di buone pratiche (anche internazionali), in particolare in merito al personale dedicato alla prevenzione e al controllo. Un programma specifico è stato dedicato alla lotta alla sepsi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Massa-Carrara. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità