Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:MASSA CARRARA20°28°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Attualità mercoledì 23 agosto 2023 ore 19:00

Caro spesa, per le famiglie 390 euro in più in 7 mesi

supermercato

La città più colpita dai rincari sui generi alimentari è Grosseto, e agli antipodi invece c'è Pisa. La mappa dell'inflazione in Toscana



TOSCANA — Nei primi 7 mesi del 2023 ogni famiglia toscana ha speso 390 euro più dell'anno scorso per fare la spesa. Colpa dell'inflazione che anche a Luglio ha proseguito nella sua corsa (+10,4%) e che in Toscana si è abbattuta più forte che mai a Grosseto (+12,7%) e meno che altrove a Pisa (+9,6%).

Nel mezzo il ventaglio di rincari che dopo Grosseto vedono in ordine decrescente Livorno e Pistoia (+11,5%%), poi Siena (+11,1%), Massa-Carrara (+11%) e Lucca (+10,5%). Tre sono invece le province che mostrano un tasso inflazionistico per cibo e bevande inferiore alla media regionale: sono Firenze (+9,5%), Arezzo (+9,9%) e come detto Pisa (+9,6%) che chiude la classifica. 

I dati arrivano da Coldiretti Toscana che, dati Istat alla mano, osserva come la frenata inflattiva tutto sommato ancora non ci sia stata: "A rallentare la discesa dei prezzi e frutta e ortaggi, che a Luglio sono cresciuti rispettivamente del 13,8% e del 19,8%, sono le conseguenze dei cambiamenti climatici e dei numerosi eventi estremi che hanno ridotto le disponibilità unite all’aumento della domanda. Emblematico il caso della frutta, la cui richiesta è aumentata del 20% solo a Luglio anche per effetto del grande caldo".

Secondo l'associazione degli agricoltori insomma la curva dell'indice dei prezzi al consumo di generi alimentari e bevande analcoliche decelera troppo lentamente. Ogni famiglia toscana, per mangiare, ha dovuto spendere nei primi 7 mesi dell’anno 390 euro in più contro i 195 dei primi sette mesi del 2022. 

“L’inflazione sta rallentando molto lentamente e questo determina il perdurare della lunga fase di sofferenza per le famiglie. Il tasso inflazionistico dei generi alimentari del mese è di poco superiore a quello di un anno fa, quando era al 10%, dopo aver raggiunto lo scorso Ottobre la vetta del 13,9%. Gli effetti delle misure messe in campo, a partire dal rialzo dei tassi da parte della Bce, non hanno ancora prodotto risultati evidenti sui prezzi e quindi per le tasche delle famiglie che sono costrette a spendere di più per acquistare di meno", osserva la presidente di Coldiretti Toscana Letizia Cesani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sarà piuttosto breve ma molto intensa la prima forte ondata di calore portata in Toscana dall'anticiclone. Quando? Lo rivelano gli esperti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità