Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:MASSA CARRARA15°20°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cagliari-Fiorentina, stadio in piedi per omaggio a Ranieri che si commuove

Attualità martedì 16 aprile 2024 ore 08:30

Sanità più moderna, piano da 112 milioni di euro

reparto ospedaliero

Edilizia sanitaria e ammodernamento tecnologico: è su questo che si concentrano 27 progetti d'intervento complementari a quelli del Pnrr



TOSCANA — Un piano d'investimenti declinato in 27 progetti per un ammontare complessivo che supera i 112 milioni di euro: è quello che punta a rendere più moderna la sanità toscana attraverso opere di edilizia sanitaria e ammodernamento tecnologico del sistema, approvato dalla giunta regionale e che include interventi complementari a quelli del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Il programma, contenuto in una delibera proposta dall’assessore regionale al diritto alla salute Simone Bezzini, sarà finanziato attraverso il fondo del cosiddetto ‘articolo 20’, varato con una legge del 1988 e che rappresenta la principale fonte statale rivolta alle Regioni per gli investimenti in sanità: 106 milioni sono le risorse che arrivano dallo Stato, il resto ce lo metteranno le aziende sanitarie come cofinanziamento.

“La Regione Toscana negli anni ha dimostrato di saper pianificare e utilizzare i fondi di questo importante strumento che ha contribuito ad accrescere la sicurezza dei presidi ospedalieri e sanitari, oltre che la qualità delle cure offerte dal sistema sanitario regionale”, sottolinea il presidente della Toscana Eugenio Giani

Alcuni giorni fa è stato infatti sottoscritto l’accordo di programma Stato-Regione che ha sbloccato l’utilizzo di oltre 61 milioni di euro per 11 interventi, anche in questo caso di edilizia e rinnovo dei macchinari: “La delibera approvata adesso dalla giunta regionale - prosegue Giani - ne contiene altri 27, che saranno ora trasmessi al Ministero della salute per l’avvio dell’iter di approvazione”.

“Abbiamo approvato una delibera che proietta nel futuro gli ospedali e i presidi sanitari della Toscana", commenta Bezzini. "Gli interventi previsti, molti dei quali a completamento di progetti già programmati e finanziati, tengono insieme riqualificazione, efficientamento energetico ed innovazione strumentale: tre elementi che ci consentiranno di disegnare luoghi di cura a misura dei pazienti e dei professionisti".

Gli interventi: dove e cosa

Dei 27 interventi previsti, 6 andranno a completarne alcuni già programmati e finanziati con riparti precedenti delle risorse del fondo dell’articolo 20.

La realizzazione del nuovo Dipartimento Emergenza Urgenza dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Torregalli, tra Firenze e Scandicci, è uno di questi. Il finanziamento (8 milioni) permetterà di completare la realizzazione della Diagnostica di risonanza magnetica, il Dipartimento materno- infantile con pronto soccorso ostetrico-ginecologico, ambulatori di ostetrica, sale parto e degenza ostetrica e terapia intensiva neonatale. 

Si pone in continuità anche l’intervento da 8 milioni sulla Casa di comunità di Siena e il distretto di viale Sardegna: questa seconda quota di finanziamento permetterà il recupero totale dell’immobile e l’attivazione finale dei servizi. Con un milione e mezzo si potranno invece terminare i lavori per il nuovo polo della donna e del bambino al quarto e quinto piano dell’ospedale Misericordia di Grosseto.

Un nuovo investimento sarà necessario per portare a realizzazione la Casa della Comunità di Aulla (1,3 milioni) e l’ampliamento del distretto sanitario di Castelnuovo Garfagnana (1,4 milioni), così come è già programmato l’adeguamento antincendio dell’ospedale del cuore di Massa (1,3 milioni) che sarà portato a termine grazie alle risorse del nuovo programma.

Sempre all’ospedale San Giovanni di Dio si prevede la ristrutturazione dei reparti di degenza, (2,8 milioni), mentre all’ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri la riqualificazione del reparto di radiodiagnostica e la realizzazione di una scala antincendio (3,8 milioni). Il finanziamento permetterà anche il miglioramento dell’accessibilità e della percorrenza dell’ospedale Palagi a Firenze attraverso la realizzazione di scale mobili e la riqualificazione degli ascensori (4,1 milioni).

Rientra nel programma pure la realizzazione del primo lotto del Centro autismo di Empoli (7,3 milioni), che erogherà servizi per adulti ed adolescenti con spettro autistico e la Casa di comunità di Castelfranco di Sotto (2,5 milioni). A questi si aggiunge il progetto di realizzazione del distretto socio-sanitario presso il Centro servizi Montedomini (5,1 milioni).

Ad Arezzo si procederà con la riqualificazione del distretto sanitario di via Guadagnoli (13 milioni), con la demolizione e ricostruzione della palazzina servizi amministrativi, facente parte del distretto, mentre a Massa Marittima, grazie alle risorse a disposizione (1 milione), potrà essere pianificata la realizzazione dell’ospedale di comunità. 

Diversi sono gli interventi che interesseranno Grosseto: all’ospedale Misericordia è in programma la realizzazione di una nuova area interna da destinare al laboratorio di anatomia patologica (1,4 milioni), la ristrutturazione del distretto sanitario di Villa Pizzetti per la realizzazione del nuovo polo distrettuale (9,2 milioni) e il nuovo hospice che amplierà l’offerta di assistenza per pazienti e familiari (2 milioni).

Sempre sulla costa, a Livorno, è stata messa in programmazione la realizzazione della casa di comunità di Livorno Nord (9 milioni) e dell’ospedale di comunità (8 milioni) di Livorno Nord, due interventi strategici che miglioreranno la risposta ai bisogni di salute della cittadinanza.

Gli interventi di edilizia sanitaria saranno accompagnati dal rinnovo e implementazione del parco tecnologico delle strutture del servizio sanitario regionale, ossia apparecchiature sanitarie, leggere e pesanti, utili per la diagnosi e la cura, in modo da rimanere al passo con le nuove tecnologie, ridurre le liste d’attesa per le prestazioni sanitarie ma anche risparmiare sui costi di gestione e manutenzione delle apparecchiature più datate: un’azione complessivamente da 20 milioni di euro e che riguarderà le aziende sanitarie e ospedaliero universitarie toscane.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le operazioni coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia hanno riguardato 18 persone. Indagini anche nelle province di Grosseto e Massa Carrara
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità