Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:34 METEO:MASSA CARRARA18°20°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità martedì 07 marzo 2023 ore 19:10

Siccità, fiumi e falde sono già in deficit

fiume in secca

Bacini e corsi d'acqua hanno portate sotto media, e in Toscana torna lo spettro della siccità. Neve e pioggia sono state insufficienti al fabbisogno



FIRENZE — Sono già in sofferenza fiumi e falde acquifere della Toscana dove già si riaffaccia per il 2023 lo spettro della siccità. Non sono state sufficienti pioggia e neve dei primi mesi dell'anno per colmare un deficit idrico ancora non recuperato dopo l'estate estrema del 2022, e adesso i bacini si affacciano ai mesi più caldi già con livelli al di sotto delle serie storiche.

I dati, presentati oggi nel corso di una riunione dell’Osservatorio dell’Appennino settentrionale sulla crisi idrica, arrivano dal Servizio idrogeologico regionale (Sir) e partono dall'anno mobile: sì perché negli ultimi 12 mesi il deficit a livello regionale è stato di circa -11% (corrispondente a -107 millimetri di pioggia), con particolare criticità nella Toscana nord-occidentale e deficit medi compresi tra il -32% e il -37% (corrispondente a 500-600 millimetri di pioggia in meno) nelle valli del Magra, del Serchio e nella zona Versilia-Apuane.

L'inizio del 2023 aveva lasciato ben sperare, ma alle precipitazioni di Gennaio è seguito un Febbraio con piogge quasi ovunque inferiori alla media e un deficit pari a circa il -57% (corrispondente a circa 47 millimetri di pioggia in meno). Le previsioni del consorzio Lamma, per di più parlano per i prossimi tre mesi di precipitazioni nella media e temperature leggermente superiori, il che anche a piogge in media provoca però una maggiore evaporazione.

Insomma: c'è la possibilità di una nuova estate a rischio siccità. L'assessora regionale all'ambiente Monia Monni illustra il lavoro in corso per prevenire fra pozzi e invasi in più e confronto con gli agricoltori sul tema dell’irrigazione agricola. L'invito però è fin d'ora a evitare sprechi di acqua a livello individuale anche in ambiente domestico. Ma ecco la situazione in dettaglio.

Precipitazioni

A mese Febbraio le precipitazioni si sono attestate su valori medi regionali prossimi a 35 mm, con i valori massimi nel bacino del Serchio e in Versilia. Il resto dei bacini regionali sono caratterizzati da valori medi areali di circa 30-35 mm, con minimi di circa 15-20 mm localizzati nei bacini del Fiora, Ombrone e Cornia

mappa piogge gennaio

La distribuzione delle piogge a Gennaio a cura del Servizio idrogeologico regionale (Sir)

Rispetto al triennio precedente il deficit pluviometrico nel bacino del Fiora è del 62% (corrispondente a circa 42 mm in meno), del Po -64% (corrispondente a circa 73 mm in meno), dell’Ombrone-GR -52% (corrispondente a circa 33 mm in meno), dell’Arno -54% (corrispondente a circa 43 mm in meno), del Tevere -51% (corrispondente a circa 40 mm in meno), del Magra -74% (corrispondente a circa 104 mm in meno), del Serchio -66% (corrispondente a circa 85 mm in meno). 

I bacini della costa toscana vedono un -51% (corrispondente a circa 33 mm in meno) ed infine i bacini della Versilia registrano -67% (corrispondente a circa 92 mm in meno).

I fiumi

Le portate fluviali registrate a Febbraio evidenziano valori medi inferiori a quelli storici (< 25° percentile). Questo andamento, visibile in tutti i bacini, risulta particolarmente evidente riguardo al Serchio, nel Valdarno Inferiore e negli altri bacini costieri centro-settentrionali. 

I dati relativi al Valdarno Superiore e all'Ombrone grossetano mostrano valori leggermente migliori, posizionandosi tra il 25° e il 75° percentile, ma si attestano proprio in corrispondenza del limite inferiore di questa fascia, confermando nella sostanza il deficit generale.

Le falde

Sono state esaminate 68 falde, e l'analisi, spiega la nota regionale, mostra un evidente abbassamento nell’area centro settentrionale del territorio toscano. Registrate nei bacini del Serchio, in Versilia e nella riviera Apuana e fino al Magra soggiacenze inferiori ai valori medi storici (< 25° percentile). 

Condizioni di criticità persistono lungo la fascia costiera livornese, tra il fiume Cecina e San Vincenzo, dove ancora si registrano abbassamenti significativi in particolare nell'area di San Vincenzo. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' ormai prossima la scadenza entro cui versare la quarta rata della definizione agevolata. Ci sono dei giorni di tolleranza: date e modalità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca