Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:MASSA CARRARA10°13°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 24 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europa League, maxi-rissa al termine di Sparta Praga-Galatasaray: le immagini

Politica mercoledì 22 marzo 2023 ore 14:27

"Sospeso lo studio sulla salute nelle aree Sin"

Irene Galletti, consigliera regionale M5s

La denuncia dei 5 Stelle: "Con questa decisione si è scelto di ignorare i problemi che la cattiva amministrazione della Regione ha creato negli anni"



FIRENZE — "Da Novembre scorso il CoReAS, l’organismo incaricato dalla Regione di approfondire i dati epidemiologici relativi allo stato di salute dei toscani che abitano in prossimità dei Sin, non esiste più". A segnalarlo è il Movimento 5 Stelle in Regione che ha presentato una interrogazione per sapere se fossero state superate le difficoltà incontrate dal coordinamento nello svolgimento delle proprie attività di ricerca. 

“Con questa decisione si è scelto di ignorare i problemi che la cattiva amministrazione della Regione ha creato negli anni. Si tratta di un fatto grave, di cui chi governa oggi la Toscana dovrà risponderne davanti ai cittadini”, ha commentato Irene Galletti, presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle, che in comunicato stampa attacca la Regione Toscana.

“Solo attraverso una nostra interrogazione abbiamo scoperto che il CoReAS, l'organismo toscano che analizzava le criticità ambientali e sanitarie nelle aree SIN/SIR, ovvero quelle più colpite dall'inquinamento e situate tutte lungo la costa toscana, è stato abolito a Novembre con la delibera n° 1246. Ci avevano rassicurato, in risposta ad una precedente interrogazione, sul superamento dei problemi di privacy che avevano ostacolato la raccolta dati dell'organismo. Eppure, la decisione di farlo sparire è stata presa comunque, un modo come un altro di ignorare i problemi che la cattiva amministrazione della Regione ha causato negli anni. Ci è stata data la giustificazione che questi compiti verranno assorbiti dalla task force nazionale chiamata Sistema nazionale prevenzione salute dai rischi ambientali e climatici (Snps). Ma la verità è che la Regione Toscana ha deciso di abbandonare uno strumento essenziale per l'identificazione puntuale degli allarmi ambientali e delle conseguenze sulla salute di 350mila abitanti della Toscana, il 10% del totale".

Le città interessate da questo studio sarebbero state: Livorno, Collesalvetti, Piombino, Orbetello, Massa e Carrara.

"Ora sanno che la Regione ha scelto di non affrontare questi problemi, spostandoli a Roma e lavandosi colpevolmente le mani. Non dimenticheremo questa scelta quando la Regione Toscana darà lezioni di transizione ecologica, prevenzione e monitoraggio ambientale", ha concluso il Movimento 5 Stelle.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno