Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:30 METEO:MASSA CARRARA21°25°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vanessa Ferrari: «Puntavo all'oro, ma è arrivato un bellissimo argento. Più di così non potevo fare»

Attualità martedì 09 maggio 2017 ore 12:07

Donne, storie al femminile

Parte da piazza delle erbe il percorso di 2.donna con lo scopo di dare voce alle donne che ce l'hanno fatta



CARRARA — Imprenditrici, professioniste, artiste, politiche e medici: figure di spicco della comunità che appartengono alla galassia femminile che sono riuscite, con fatica, sacrifici e lavoro, ad emergere e conquistarsi un ruolo nel rispettivo ambito di movimento. Battesimo al cospetto del murales di Francesca Rolla, eroina della residenza carrarese, 2.Donna, il gruppo di lavoro apolitico voluto e coordinato da Emma Castè, ecclettica restauratrice con la collaborazione di Federica Paradisi, Jenny Lo re’ e Marta Franciosi che insieme ad un gruppo di donne, vuole incontrare e parlare con altre donne. Il progetto è sostenuto dal Comitato Pro Torano. L’appuntamento è in programma sabato 13 maggio, alle ore 18.30, in Piazza delle Erbe, nel centro storico di Carrara (Ms) e sarà il primo di un ciclo con cadenza mensile che scandiranno il percorso di storie e racconti nell’universo visto con gli occhi delle donne. Una foto della loro infanzia e il ricordo del sogno “cosa voglio fare da grande” sarà l’incipit da cui partire, ogni volta, per un lungo viaggio tra aneddoti, esperienze ed emozioni. “Credo che la crescita personale avvenga tramite la necessità di ascoltare; ogni racconto di vita può regalarci risposte, può aprirci spiragli, può cambiare il nostro futuro. Ognuno di noi con la propria esperienza costruisce la società, utilizzando una politica personale fatta di sacrificio e di confronto. Molte donne, partendo da un infanzia normale ricordata da una fotografia e dal sogno di bambina, sono riuscite a trasformare la società, scalando montagne e raggiungendo la vetta. Sono le donne – spiega le linee guida del progetto - che inviteremo nella nostra provincia, con le quali ci rapporteremo, raccontandoci. Inviteremmo donne che vivono fuori dalla nostra provincia e confronteremo le loro storie con situazioni e donne del nostro territorio. Il gruppo è aperto a tutti, anche agli uomini ma ad organizzare e raccontarsi saranno le donne”. Inedite, ogni volta, le location: piazze, giardini, luoghi dimenticati di periferie, angoli della città da riscoprire.

Già attiva per informazioni sugli appuntamenti e sui progetti anche una pagina Facebook “2.Donna”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Oggetto del contendere sarebbe stato il transito sul terreno di uno dei due con una ruspa. L'alterco è degenerato, è arrivata la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca