Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:52 METEO:MASSA CARRARA12°20°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il centro di Catania scomparso sotto la forza dell'acqua

Attualità lunedì 27 settembre 2021 ore 15:57

La radioterapia stringe la mira sul tumore

L'équipe di radioterapia
L'équipe di radioterapia

Grazie all'integrazione fra trattamento radioterapico e uso della Pet/Tac le cellule malate vengono centrate con ancora maggior precisione



LUCCA — La Radioterapia con l'integrazione della Pet/Tac stringe la mira sul tumore. L'efficacia del trattamento radioterapico nella cura dei tumori - in particolare per patologie oncologiche come il tumore del polmone, il tumore esofageo, tutta la patologia del distretto testa-collo e i linfomi - è nota. A Massa Carrara il piano di trattamento radioterapico prevede l'utilizzo della Pet/Tac per individuare i corretti volumi delle lesioni neoplastiche da sottoporre a terapia radiante così da praticare trattamenti altamente mirati.

"Nell'ambito apuano - spiega una nota dell'Asl Nord Ovest - grazie a una ormai collaudata organizzazione messa in campo dalle strutture di Radioterapia e Medicina nucleare rispettivamente dirette da Angiolo Tagliagambe e Pietro Bertolaccini, sono state già eseguite oltre mille simulazioni Pet/Tac, secondo un calendario programmato".

"L'utilizzo della Pet/Tac nei trattamenti - sottolinea il dottor Bertolaccini - li rende più sicuri ed efficaci. Questo esame è infatti in grado di distinguere il tessuto neoplastico da quello sano, orientando così il piano di trattamento".

"L’utilizzo della Pet/Tac in Radioterapia - afferma il dottor Tagliagambe - ha creato una rivoluzione nel difficile e continuo lavoro del radioterapista oncologo, che è quello di individuare i corretti volumi delle lesioni neoplastiche da sottoporre a terapia radiante".

Il team di medicina nucleare

Il team di medicina nucleare

ll protocollo che viene utilizzato è quello di una Pet/Tac cosiddetta di “simulazione radioterapica” che permette da un lato di eseguire l’esame in stretta vicinanza temporale del trattamento radiante garantendo la discussione del caso clinico in modalità multidisciplinare e dall’altro di utilizzare gli stessi accorgimenti tecnici che si utilizzano in radioterapia (uso di una tavola rigida di appoggio, laser mobili, sistemi d’immobilizzazione) evitando errori durante i processi di fusione (post-processing) delle immagini. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nessun altro caso nel resto della provincia apuana. I dati aggiornati alle ultime ventiquattro ore dal report regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cultura

Attualità