Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:45 METEO:MASSA CARRARA11°16°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità venerdì 30 aprile 2021 ore 18:24

Nell'edilizia Primo Maggio con l'assegno bloccato

muratore

Secondo il sindacato Uil, la cassa edile non ha deliberato il premio di anzianità: "Una beffa per le famiglie che aspettavano qualche soldo in più"



CARRARA — “Altro che festa dei lavoratori. Questa è la beffa del Primo Maggio per i lavoratori dell’edilizia. Nonostante l’emergenza pandemica in corso, pur conoscendo tutte le difficoltà economiche degli operai, la cassa edile di Carrara non ha deliberato il pagamento del cosiddetto premio Ape, che sarebbe poi l’assegno per l’anzianità personale per il Primo Maggio, come invece dovrebbe essere la regola. Una vera e propria beffa per tante famiglie che non avranno in banca qualche risorsa in più per festeggiare con le persone amate”: è il delegato della Feneal Uil per l’edilizia Luigi Grossi ad accendere i riflettori sulla vicenda che riguarda i lavoratori del comparto di tutta la provincia di Massa Carrara, che ha un'unica cassa edile con sede appunto a Carrara. 

“Stiamo parlando dell’assegno professionale edile che viene erogato ogni anno in occasione del Primo Maggio – continua Grossi -, un assegno integrativo che si matura con 2.100 ore denunciate nel biennio precedente l’anno di liquidazione. Somme che fanno comodo e che si aspettano per un anno intero per rimpinguare stipendi sudati con grande fatica e sacrificio. Ed è un assegno dall’enorme valore simbolico, proprio perché viene rilasciato in occasione della festa internazionale dei lavoratori”.

Questo hanno fatto altrove ma non a Massa Carrara: “Abbiamo fatto un controllo alle altre casse edili e al massimo hanno versato le somme il 28 aprile. Tranne la nostra cassa edile provinciale che ha disposto di versarlo il 5, 6 o 7 maggio. Il problema quindi – prosegue il delegato Feneal Uil – non è tanto che le somme possano non arrivare ma il fatto che si continua a non rispettare i lavoratori che aspettano con ansia quell’assegno integrativo. Una vera vergogna – conclude – che rovina anche quest’anno la festa del Primo Maggio per tantissime famiglie”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La ragazza a cui è stato inoculato sovradosaggio di siero anti Covid sta meglio ma è spaventata. Così la madre non esclude azioni per un risarcimento
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità