Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:MASSA CARRARA23°28°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 13 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roger Federer applaudito al concerto dei Coldplay, Chris Martin gli dedica dei versi
Roger Federer applaudito al concerto dei Coldplay, Chris Martin gli dedica dei versi

Attualità mercoledì 24 marzo 2021 ore 11:43

Magia del cuore al Noa col pacemaker senza fili

L'équipe che ha condotto l'intervento
L'équipe che ha condotto l'intervento

E' stato impiantato con successo il dispositivo senza cateteri. L'intervento innovativo praticato nella sala di cardiologia interventistica



MASSA — Magia del cuore: al Nuovo ospedale delle Apuane di Massa non di solo Covid-19 vive l'attività sanitaria dei professionisti. E' stato impiantato nei giorni scorsi con successo un pacemaker leadless, ovvero senza cateteri, su un paziente di 69 anni per il quale non era indicato l'impianto di un dispositivo tradizionale. L'innovativo intervento è avvenuto nella sala di Cardiologia interventistica del presidio, così da correggere i periodi di fibrillazione atriale marcatamente bradicardica del paziente. 

All’intervento hanno collaborato le équipe di Aritmologia interventistica diretta da Giuseppe Arena e di Radiologia interventistica diretta da Alessio Auci ed è stato eseguito in anestesia generale, grazie alla presenza dei professionisti della struttura diretta da Alberto Baratta

L’innovativo pacemaker leadless non utilizza elettrodi transvenosi e viene posizionato tramite la vena femorale destra, anziché le vene toraciche. Il pacemaker 'senza fili' viene portato a livello del cuore attraverso un sistema di introduzione e rilascio che, dopo il posizionamento del dispositivo, viene asportato lasciando in ventricolo destro solo questo piccolo apparecchio metallico che svolge tutte le funzioni di un device tradizionale. L'intervento, durato in tutto 50 minuti, è perfettamente riuscito e ha consentito la precoce ed efficace mobilizzazione del paziente.

"I benefici che si possono riscontrare rispetto a un pacemaker tradizionale sono notevoli – sottolinea Arena - e sono legati a molteplici fattori: il leadless garantisce un’autonomia che va dai 10 ai 12 anni, grazie a potenti batterie di ultima generazione. L’intervento è mininvasivo perché tutto viene effettuato con un accesso senza tagli e senza suture. La ripresa del paziente è veloce perché la sua mobilizzazione avviene il giorno successivo all’intervento, con dimissione nell'arco di 1 o 2 giorni. Possono essere trattati anche pazienti con fattori di rischio importanti quali l'anzianità, il rischio di infezioni e l' insufficienza renale, fattori che, durante l’approccio chirurgico tradizionale, sono molto più esposti a sviluppare complicanze".

Il leadless migliora inoltre la qualità della vita del paziente perché è molto ben tollerato, spiegano i sanitari, al punto di non essere neppure percepito, e non è soggetto alle complicanze più frequenti accusate dal dispositivo tradizionale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'ordinanza firmata dal presidente della Regione Eugenio Giani vieta il lavoro nei campi e sotto il sole, nelle ore più calde dei giorni a rischio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità