Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:57 METEO:MASSA CARRARA19°26°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Attualità martedì 11 maggio 2021 ore 15:03

Dove volano le aquile stiano a terra i droni

aquila in volo

Il Parco delle Apuane ricorda il divieto di sorvolo per evitare problemi alla natura, agli animali e soprattutto alle specie protette



MASSA — Dove volano le aquile stiano a terra i droni. Ebbene sì, è vietato e il Parco delle Apuane lo rammenta richiamando la normativa di riferimento, ovvero la legge 394 del 1991 all'articolo 11. "L’utilizzo di droni che negli ultimi tempi si è diffuso, sia per uso professionale sia per hobby, ha moltiplicato le problematiche legate ai sorvoli: non solo sicurezza dello spazio aereo e tutela della privacy, ma anche disturbo della natura", spiega l'ente in una nota. 

Il ronzio prodotto dai droni e lo stesso loro movimento è, infatti, un forte elemento di disturbo per gli animali, specialmente per gli uccelli che possono essere indotti addirittura ad abbandonare il nido con la conseguente morte dei piccoli. Un evento grave per le specie particolarmente protette e sensibili, come ad esempio l’aquila reale che nidifica con diverse coppie nel Parco delle Alpi Apuane.

Nei Parchi e nelle aree protette i sorvoli di velivoli non autorizzati, droni compresi, sono vietati. L’Ente Parco può rilasciare autorizzazioni al sorvolo, a firma del direttore, esclusivamente per motivi scientifici o per monitoraggi ambientali, previo parere preventivo e vincolante del comitato scientifico. Le autorizzazioni non vengono comunque rilasciate vari casi. Eccoli

  1. per sorvoli di qualsiasi aeromobile durante il periodo principale di nidificazione dell'avifauna dell'area protetta, indicativamente fissato dal 15 aprile al 15 luglio di ogni anno;
  2. per sorvoli di qualsiasi aeromobile lungo tragitti prossimi a pareti rocciose e falesie;
  3. per sorvoli di droni non sostenuti da un interesse pubblico evidente e con finalità coerenti con quelle dell'area protetta.

Per i trasgressori sono previste sanzioni fino ad un massimo di 6.000 euro e anche procedimenti penali qualora venga accertato il danneggiamento a carico delle specie faunistiche. Recenti video realizzati all’interno del Parco delle Alpi Apuane e diffusi sui social network, sono al vaglio del Comando Guardiaparco, al fine di individuare i trasgressori.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nessun nuovo positivo al Covid tra Massa, Carrara e Montignoso. Il servizio sanitario regionale non registra neanche nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità

Attualità