Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:30 METEO:MASSA CARRARA21°23°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Galatasaray-Lazio, la clamorosa papera di Strakosha: l'autogol regala la vittoria ai turchi

Cultura martedì 04 agosto 2015 ore 20:22

Un letto di buste di latte per Torano

Dalla violenza sulle donne al vin santo Berluscò: le provocazioni e i temi forti dell’edizione 2015 della rassegna d'arte contemporanea



MASSA — Due mega-cartoni di tetrapak trasformati in un letto a due piazze per denunciare la precarietà delle relazioni di coppia. 

ATorano Notte e Giorno, l’artista Donato Valluzzi lancia la sua provocazione: un “talamo” ricavato da due maxi-buste di latte a lunga conservazione per ricordare che, in realtà, l’amore oggi è spesso a scadenza. 

L’installazione ha debuttato nell’ambito della rassegna d’arte contemporanea in corso a Torano, piccolo borgo ai piedi delle cave di Carrara dove sono esposte, fino al 13 agosto, 140 opere di 35 artisti.

Il letto di Valluzzi è stato installato nel cuore del paese, in una corte intima e nascosta che riproduce la sensazione di un’alcova naturale. Il giaciglio ha tanto di cuscini e testata in ferro, ma codice a barre e data di scadenza sono stampate sul materasso-contenitore per avvertire che, nella società contemporanea, niente è per sempre.  L’opera di Valluzzi, autentica calamita per i fanatici del “selfie”, ha già conquistato pubblico e critica nell’ambito della manifestazione, quest’anno dedicata al glamour e promossa dal Comitato Pro-Torano, con il contributo del Comune di Carrara, della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, il patrocinio della Camera di Commercio e importanti partner. Tanti i temi forti dell’edizione 2015 di Torano Notte e Giorno

Da segnalare l'installazione dedicata agli esuli di Maria Elisabetta Cori; le donne “spezzate” e violentate della colombiana Patricia Glauser; le ombre femminili che “gridano” di dolore, ricreate sulla scalinata del borgo da Emma Castè e Doriana Pagani, bresciana, con le sue figure pittoriche delle Borghesi o i totem del carrarese Mauro Marchi che presenta, nel bouquet delle sue opere, anche “No problem con vin santo Berluscò” con cui ha partecipato al Premio Combat. La mostra è una grande collettiva a cielo aperto con ingresso libero e no-stopsette giorni su sette, ideale per scoprire le opere esposte travicoli, viottoli e scantinati del paese degli artisti.               

 

Tutti gli artisti in mostra: Hackatao,Lucilla Lattanzi, Sara Bonucelli, Patricia Glauser, Jorge Romeo, Valente Cancogni, Roberta Vero, Alessandro Incerti, Arianna Cordiviola, Cinzia Rossi Ghion, Gian Carlo Pardini, Maria Elisabetta Cori, Andrea Antonacci, Ilaria Bertagnini, Doriana Pagani, Patrizia Cristina Pelù, Mauro Marchi, Giovanni Salvaro, Stefano Lanzardo, Giuseppe Maggio, Andrea Pucci, Paola Romoli Venturi, Marco Ambrosini, Ezio De Angeli, Ferdinando Coppola, Daniele Cinquini, Marcela Magdalena Bracalenti, Maria Vittoria Papini, Andrea Ferrari, Donato Valluzzi, Gian Carlo Pardini, Ovidiu Batista, Escom Sr, Emma.  

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La protezione civile ha esteso l'allerta meteo. Codice giallo per temporali fino alle 20 di domani sulla provincia Apuana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità