Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:55 METEO:MASSA CARRARA14°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
domenica 18 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità martedì 09 marzo 2021 ore 09:54

La tecnica d'archivio nell'arte contemporanea

Cristina Baldacci e Linda Fregni Nagler
Da sinistra, Cristina Baldacci e Linda Fregni Nagler

La memoria del gesto artistico contemporaneo e la pratica archivistica proprio come atto d'arte sono al centro del prossimo incontro a cura del mudaC



CARRARA — Si parla dell'importanza delle tecniche d'archivio come spazi di memoria del contemporaneo artistico nel nuovo appuntamento in diretta streaming con cui prosegue il ciclo Del contemporaneo. Linguaggi, pratiche e fenomeni dell’arte del XXI secolo promosso dal Comune di Carrara e curato dalla direttrice del mudaC Laura Barreca in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Carrara e con il supporto tecnico di Nausicaa Spa. In questa occasione sono protagoniste la storica dell'arte Cristina Baldacci e l'artista Linda Fregni Nagler

La data da segnare in agenda è quella di venerdì 12 marzo, quando per partecipare all’incontro basterà collegarsi a partire dalle 18 alla pagina Facebook del mudaC. Nel corso della conversazione, coordinata da Laura Barreca, Cristina Baldacci - che insegna storia della fotografia all'università Ca' Foscari di Venezia -  ripercorrerà attraverso il suo libro Archivi impossibili. Un’ossessione dell’arte contemporanea la lunga e articolata storia dell’interesse per la pratica archivistica ricomponendo il ricco mosaico dei ruoli, dei significati, delle forme (mappa/atlante, album/diario, museo/Wunderkammer, schedario/database) che l’archivio ha assunto nel corso del tempo e la sua rilevanza come opera d’arte, quindi come sistema classificatorio atipico e, per certi versi, impossibile. 

Linda Fregni Nagler è un’artista che lavora principalmente con il medium fotografico. E' nata a Stoccolma e vive a Milano, dove si è diplomata nel 2000 e dove insegna al master di fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e presso la Nuova Accademia di Belle Arti (NABA). Il suo lavoro è una ricerca alle origini dello sguardo moderno e si concentra sul medium fotografico e la sua storia, attraverso una pratica che intreccia le caratteristiche del lavoro dell’artista, quelle dello studioso e del collezionista. Il suo studio è, prima ancora che luogo di produzione, un luogo di ricezione dove, dopo un percorso di scelta e raccolta meticolose, le fotografie confluiscono per essere rielaborate e riattivate, per assumere così nuovi significati. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato emerge dal report sanitario delle ultime 24 ore elaborato dall'Asl nord ovest, che fa il punto anche su ricoveri e vaccini
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità