Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:MASSA CARRARA10°15°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 26 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la disperazione degli abitanti di Casamicciola: «Qui è un macello...»

Attualità martedì 25 novembre 2014 ore 07:15

La burocrazia rallenta un'impresa su tre

A 4 aziende su 10 sottrae più di 3 giorni lavorativi al mese. L’80% degli imprenditori va negli uffici pubblici 20 volte l’anno



MASSA CARRARA — La burocrazia è una complessa, lenta e ripetitiva zavorra per le imprese e per il sistema economico. Ne è convinto il 75,7% delle piccole imprese e degli artigiani, la categoria che vive adempimenti e pratiche come un peso spesso insostenibile e non proporzionato alla loro dimensione. 

Un malessere più diffuso tra le imprese che operano nelle autoriparazioni (79,8%), installazioni impianti (78%), servizi alle imprese (77,3%) e costruzioni (75,6%). 

Al primo posto delle pratiche più “odiate” c’è il Sistri (60,3%), il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, seguito dalla responsabilità solidale degli appalti estesa alle ritenute fiscali (47%), dallo spesometro (45,4%) e dalla formazione in ambito di apprendistato (38,9%). Sono alcuni dei risultati dell’indagine realizzata da Cna su un campione di imprese.

La burocrazia gioca un ruolo economico decisivo ogni giorno sottraendo a quattro aziende su dieci da un minimo di 24 ore lavorative al mese (tre giorni) a un massimo di 40 ore lavorative (5 giorni). 

“La burocrazia, a tutti i livelli, limita la competitività delle imprese, complica la nostra quotidianità e rende la nostra rincorsa più lenta e pesante rispetto ai nostri competitor. E’ come andare a una corsa di velocità e partire con uno zaino in spalla di 40 chili – secondo Paolo Bedini, presidente provinciale Cna –. A questo fattore dobbiamo poi aggiungere il fisco che è tra i più alti d’Europa e che può arrivare fino al 74,4% così come per il costo del lavoro, il credito e l’energia”. 

In media, il disbrigo di adempimenti obbliga l’80% degli imprenditori ad andare negli uffici pubblici fino a 20 volte l’anno, un dato che potrebbe sorprendere ma che va letto in maniera più approfondita poiché la totalità delle imprese (circa il 60%) si avvale della collaborazione di soggetti qualificati esterni per adempiere a questi aspetti, quota che si abbassa notevolmente fino al 53% per le imprese più strutturate (più di 10 dipendenti) che dispongono normalmente di personale interno.

Purtroppo ad appesantire la “riforma” c’è un livello di digitalizzazione e informatizzazione delle pubbliche amministrazione giudicato inadeguato rispetto alle necessità dalla metà delle imprese (dal 53% delle piccole imprese e dal 47,2% dalle imprese strutturate). C’è un dato che sorprende: “In media – spiega ancora Bedini – solo un’impresa su tre riesce a sbrigare più della metà delle pratiche via telematica. Un passo avanti nell’informatizzazione della pubblica amministrazione consentirebbe invece alle imprese di operare in maniera più agile e veloce oltre a ridurre voci importanti come la velocità di risposta e maggiori certezze nei tempi dei procedimenti amministrativi”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La situazione negli ospedali nelle ultime 24 ore è rimasta sostanzialmente stabile. Il tasso di positività sulle prime diagnosi è all'89,6%
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità