Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:51 METEO:MASSA CARRARA14°19°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità martedì 27 aprile 2021 ore 17:33

Ospedali uniti per far battere i cuori

sala cardiochirurgica alle scotte

Con la convenzione per gli adulti con cardiopatie congenite, Fondazione Monasterio e azienda ospedaliero universitaria senese uniscono forze e saperi



MASSA / SIENA — Ospedali uniti in forze e saperi per far battere i cuori. E' il frutto della convenzione che lega la Fondazione Gabriele Monasterio e l'azienda ospedaliero universitaria senese de Le Scotte per il programma di trapianti cardiaci e assistenza ventricolare meccanica negli adulti con cardiopatie congenite, i cosiddetti Guch (acronimo di Grown Up Congenital Heart).

L'iniziativa nasce con l'obiettivo di offrire a questi pazienti dalle esigenze particolari percorsi di cura il più possibile tagliati su misura, mettendo a fattor comune le rispettive expertise così da garantire la gestione dei malati che necessitano di tipologie assistenziali specifiche, quali l’assistenza ventricolare meccanica, o che sono candidabili al trapianto di cuore che vede nell’ospedale Santa Maria alle Scotte il centro di riferimento per la Regione Toscana.

Quella dei Guch è una popolazione silenziosa ed in continua crescita. Con una bassa aspettativa di vita, a volte addirittura con una malformazione tale da essere incompatibile con la vita, fino agli anni '70 non potevano ricevere cure. Oggi, grazie ai progressi della medicina e della scienza, questi pazienti possono essere operati: le correzioni cardiochirurgiche e i trapianti permettono loro di condurre la propria vita. E unendo le forze si va più lontano. Per questo i direttori generali dell'Aou di Siena Antonio Barretta e della Fondazione Monasterio Marco Torre esprimono grande soddisfazione.

La convenzione stipulata prevede che la Fondazione Monasterio si renda disponibile per il supporto clinico necessario all’inquadramento e al planning dei pazienti, anche attraverso il proprio laboratorio di bioingegneria BioCardioLab. In tale ambito rientrano anche tutte le attività che attengono alle specialità di cardiologia, cardiologia interventistica pediatrica, cardiochirurgia pediatria e cardio-rianimazione. Laddove ritenuto necessario, è garantito anche il supporto cardio-rianimatorio nel decorso post-trapianto

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Operazione della polizia che da tempo teneva sotto controllo spacciatore. Nella sua auto la droga era divisa in dosi e nascosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca