Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:51 METEO:MASSA CARRARA14°19°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità mercoledì 09 novembre 2016 ore 11:00

Un'eccellenza del territorio massese a Roma

Gino dalle Luche espone nella Città Eterna nell'ambito del Giubileo della Misericordia, a conclusione dell'Anno Santo dal 12 al 18 Novembre



MASSA — Lustro alla nostra città per la partecipazione di Gino Dalle Luche, dopo una attenta selezione di artisti di alto livello, alla rassegna artistica "L'Eternità nell'Arte", nella Basilica dei Santi Quattro Coronati

"Dal 12 novembre al 18 dicembre la Basilica romana ospiterà le opere di diversi Maestri figurativi, paesaggisti, informali per ridare all'Arte la sua funzione evangelizzatrice e recuperare la funzione di divulgazione di valori, che possono essere considerati universali e condivisi." Queste le parole dell'autore e direttore artistico del progetto Giammarco Puntelli, critico d’arte, con oltre vent’anni di esperienza, 227 mostre e una decina di direzioni artistiche. Membro anche del comitato scientifico del Catalogo dell’Arte Moderna che sabato 19 novembre alle 16 sarà presentato,all’interno della Basilica, in occasione dell'inaugurazione dell'evento.
Dalle Luche parteciperà con due opere "Tornando a Casa” e “L’ultimo ulivo" che ci faranno riflettere sui " Valori senza tempo". L'ultimo ulivo ha ricevuto il premio della critica alla mostra internazionale Artes 2016 di Torino.

"In questo mio debutto nell' Arte Internazionale sono stato supportato da due persone che ho il dovere di ringraziare: Nedo Mallegni, consulente finanziario e patrimoniale per una grande banca che si occupa di mecenatismo nel mondo dell'arte e ha realizzato incontri in tutta Italia tra giovani artisti e artisti affermati; Luca Felicetti che insieme a Mallegni ha creduto nelle mie potenzialità. Mallegni e Felicetti, pur non essendo né critici né tecnici, amano l'arte a 360 gradi e cercano di vedere i tratti del grande artista nelle tele di pittori ancora sconosciuti al grande pubblico."

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Operazione della polizia che da tempo teneva sotto controllo spacciatore. Nella sua auto la droga era divisa in dosi e nascosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca