Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:45 METEO:MASSA CARRARA11°16°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità lunedì 19 aprile 2021 ore 11:30

"Un rischio un solo infermiere nel turno di notte"

Monoblocco a Carrara

La denuncia sul reparto di cure intermedie no Covid al Monoblocco arriva dalla Uil, che parla di scelta unilaterale, pericolosa, da revocare



CARRARA — “Un solo infermiere di turno notturno nel reparto di cure intermedie no Covid del monoblocco di Carrara: una scelta sbagliata e rischiosa, per la salute dei lavoratori e dei pazienti": è la denuncia che arriva dal segretario della Uil Fpl Massa Carrara, Claudio Salvadori, che proprio in queste ore afferma di aver ricevuto una segnalazione con richiesta di intervento da parte dei lavoratori.

Secondo Salvadori, la formulazione organica è frutto di una "riorganizzazione del servizio applicata dal Dipartimento infermieristico dell’azienda sanitaria ancora una volta senza discuterne con i sindacati, in maniera unilaterale che non possiamo che contestare. Per questo abbiamo comunicato quanto sta avvenendo anche alla direttrice generale Maria Letizia Casani”.

“L’organizzazione è stata di nuovo modificata in particolare disponendo la presenza di una sola unità infermieristica nel turno notturno. Se confermata - afferma il rappresentante Uil - questa decisione riveste un evidente carattere di comportamento antisindacale visto che l’Azienda avrebbe dovuto rispettare il contratto nazionale".

Uil chiede la revoca della decisione "dato che la dirigenza Usl Toscana nord ovest ha agito in maniera unilaterale" e afferma: "La presenza in turno notturno di una sola unità infermieristica riveste un alto rischio assistenziale in caso di emergenze e qualsiasi evento non preventivabile di pertinenza assistenziale infermieristica". Infine Salvadori richiama l’azienda sanitaria a quello che resta il primo nodo da risolvere: il potenziamento dell’organico.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La ragazza a cui è stato inoculato sovradosaggio di siero anti Covid sta meglio ma è spaventata. Così la madre non esclude azioni per un risarcimento
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità