Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:51 METEO:MASSA CARRARA14°19°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 20 settembre 2021 ore 08:36

Ondata polemica sulla città sott'acqua

allagamento
Nel mirino della polemica gli allagamenti dei giorni scorsi

Poca cura del territorio e situazione viaria inadeguata sono al centro delle contestazioni sollevate da Buona Destra dopo gli ultimi allagamenti



MASSA — Sulla città sott'acqua, reduce dagli allagamenti provocati dalla violenta perturbazione dei giorni scorsi, Buona Destra Toscana adesso spinge l'ondata polemica contestando scarsa cura del territorio e situazione viaria inadeguata non solo nel capoluogo ma nel territorio della provincia di Massa Carrara".

Dal coordinamento della compagine dito puntato su "incuria e decennale mancanza di interventi adeguati di tutela del territorio, che deve registrare 24 ore di estremi disagi e danni dovuti al passaggio di perturbazioni atmosferiche con violenti rovesci che hanno causato allagamenti e frane in tutta la zona e particolarmente in modo serio a Massa, dove si sono ripetuti gli ormai consueti allagamenti di sottopassi stradali e del sottopassaggio pedonale della stazione ferroviaria".

"Le forti piogge - ricostruisce Bd con Kishore Bombaci e Alessandro Rossi - hanno messo totalmente in crisi l’intero precario sistema di regimazione delle acque pluviale in tutta la città con tombini ostruiti o saltati per l’ingente flusso d’acqua che avrebbero dovuto ricevere. Ancora una volta i cittadini, le aziende e le attività commerciali massesi hanno dovuto sopportare disagi ed in molti casi danneggiamenti, ancora nel pomeriggio di venerdì le idrovore erano in azione nei plessi industriali lungo via Aurelia Ovest". 

Gli esponenti di Bd sottolineano il rischio generato dai "sempre più frequenti fenomeni dovuti ai cambiamenti climatici", imputando la situazione a "decenni di politiche edilizie inadatte o addirittura inesistenti". Ricordano come "l’approvazione del regolamento urbanistico risale solo all’ottobre dello scorso anno" e lanciano un "appello all’amministrazione comunale ed al sindaco affinché sia dato al più presto quell’impulso essenziale per quella svolta che i cittadini attendono da anni".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Operazione della polizia che da tempo teneva sotto controllo spacciatore. Nella sua auto la droga era divisa in dosi e nascosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca