Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:13 METEO:MASSA CARRARA15°19°  QuiNews.net
Qui News massacarrara, Cronaca, Sport, Notizie Locali massacarrara
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontri a Roma e assalto alla Cgil, Lamorgese contestata alla Camera

Attualità mercoledì 31 marzo 2021 ore 13:44

La moda al collasso lancia un sos

abbigliamento

Abbigliamento e calzature sventolano bandiera bianca e si dichiarano stremati dalla crisi innescata dal Covid. Per questo chiedono ristori subito



MASSA CARRARA / LUCCA — “Ristori immediati e massicci per una categoria che è allo stremo delle forze”: la richiesta forte e accalorata arriva da Federico Lanza, presidente interprovinciale di Federmoda Confcommercio Lucca e Massa Carrara, all’indomani della nuova chiusura dei negozi di abbigliamento e calzature indotta dall'ingresso della Toscana in zona rossa. “Da 13 mesi, da quando cioè è esplosa l’emergenza sanitaria - sottolinea Lanza - il nostro comparto ha lavorato a pieno ritmo un solo mese: ottobre. Gli altri 12 mesi, fra chiusure e altre restrizioni di vario genere, o non abbiamo potuto lavorare oppure lo abbiamo fatto a scarto ridotto". 

"Anche la scorsa estate - ricorda - mentre c’erano settori che hanno avuto la possibilità di riprendere a lavorare a pieno regime, il nostro settore non ha potuto approfittarne perché quello è un periodo di saldi, dove il margine di guadagno è minimo. Il nostro, insomma, è uno dei comparti oggettivamente più colpiti dalle ricadute economiche della pandemia. E nessuno può negarlo”. 

La moda dunque è al collasso e non ne può più: “Ci è stato chiesto di mettere in regola le nostre attività – prosegue Lanza -, calibrandole sulle vigenti normative anti Covid. E lo abbiamo fatto. Nonostante questo, a dispetto di questo impegno che ha reso e rende i nostri negozi pienamente sicuri, ancora una volta ci hanno fatto chiudere. Noi e poche altre categorie commerciali. Mentre nelle vie e nelle piazze delle nostre città, a dispetto delle restrizioni che sembrano valere solo per alcuni, continuano a registrarsi assembramenti incontrollati. Bene, il Governo ha l’obbligo a questo punto di erogare ristori e sostegni immediati e robusti”. 

“Altra richiesta urgente e non più rimandabile – prosegue Lanza – è quella di una moratoria sugli affitti per i fondi commerciali rimasti chiusi. Non è più sopportabile che, a oltre un anno dall’inizio della pandemia, ci si debba ancora affidare al buonsenso e all’intelligenza dei locatori per trovare un accordo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Operazione della polizia che da tempo teneva sotto controllo spacciatore. Nella sua auto la droga era divisa in dosi e nascosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS